Marcellino pane e vino (opera teatrale)

Marcellino pane e vino
Opera teatrale
AutoriJosé María Sánchez Silva
Raffaello Lavagna
Lingua originaleItaliano
GenereCommedia drammatica
Fonti letterarieMarcelino Pan y Vino di José María Sánchez Silva (1953)
Composto nel1953-1958
Prima assoluta2 aprile 1958
Ridotto del Teatro Eliseo (Roma)
Personaggi
  • Voce di Gesù
  • Marcellino
  • Superiore
  • Fra Pappina
  • Frate Porta
  • Fra Malato
  • Fra Dindon
  • Donna, madre di Manuel
  • Pasquale il sindaco
  • La moglie del sindaco
  • La guardia
  • I consigliere
  • II consigliere
 

Marcellino pane e vino è la riduzione teatrale del film Marcellino pane e vino (1955) di Ladislao Vajda, la cui sceneggiatura originale, riadattata dal giornalista e drammaturgo don Raffaello Lavagna, serve come testo della pièce[1]. Il dramma – un prologo e due tempi – è andato in scena in prima assoluta a Roma, il 2 aprile 1958, nel Ridotto del Teatro Eliseo, con la Compagnia teatrale per ragazzi[1], costituita da Jole Fierro, Carlo Lombardi, Loris Gizzi[2].

Il film di Vajda sarà adattato nel 1967 per il vinile in album disco[3][4], con le voci di Riccardo Paladini, Luigi Almirante, Silvio Noto, Roldano Lupi, Gabriella Armeni, una delle voci femminili del teatro radiofonico nazionale, e Claudio Capone.

Il rifacimento al cinema della celebre pellicola, diretto da Luigi Comencini, risale al 1991.

TramaModifica

La storia di un bambino orfano di madre e di padre che viene adottato dai frati di un convento.

In TVModifica

Il 25 aprile 1958, l'adattamento teatrale di Lavagna viene proposto in tv sul Programma nazionale per la tv dei ragazzi, la regia di Lino Girau e come interpreti l'attore bambino Massimo Giuliani, Carlo Lombardi, Loris Gizzi, Giulio Donnini, Raoul Donadoni. Le riprese erano di Stefano De Stefani[5].

La seconda edizione televisiva in onda su Rai 1, alle 17.20, a partire dal 16 dicembre 1977 in tre puntate (le altre due parti andarono in onda il 23 e il 30 s.m.), riprese la messinscena al Teatro Anfitrione di Roma[5]. La regia televisiva era di Pietro Zardini.

Del cast facevano parte:

BibliografiaModifica

  • Raffaello Lavagna, Marcellino pane e vino; Mio fratello negro: due racconti teatrali, Milano, ed. Massimo, 1964.

NoteModifica

  1. ^ a b Voce Raffaello Lavagna, in Teatro italiano '68. Annuario dell'Istituto del dramma italiano e repertorio degli autori italiani contemporanei, Roma, Bardi, 1969, p. 457.
  2. ^ I ragazzi interpreti del loro teatro? L'esperienza di Don Raffaello Lavagna, "Il Dramma", 1979, p. 93 e ss.
  3. ^ (EN) Marcellino pane e vino, su Discogs, Zink Media.
  4. ^ José María Sánchez Silva, Marcellino Pane e Vino, VIK KLVP 307, in "Discoteca: rivista mensile di dischi e musica", Roma, 1967, p. 64.
  5. ^ a b Televisione (già 'enciclopedia della televisione'), a cura di Aldo Grasso, serie Le Garzantine, ediz. speciale per Tv Sorrisi e Canzoni riveduta e aggiornata, Cles (TN), Mondadori Printing S.p.A, 2003, p. 411 (scheda Marcellino pane e vino).
  Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di teatro