Mario Totaro

compositore e pianista italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il tastierista dei Dik Dik (gruppo musicale italiano), vedi Dik Dik.
Mario Totaro
Mario Totaro.jpg
NazionalitàItalia Italia
GenereMusica classica
Musica contemporanea
StrumentoPianoforte
Compositore
EtichettaPreludio / Da Vinci Classics
Album pubblicati5
Sito ufficiale

Mario Totaro (Pesaro, 24 febbraio 1962) è un compositore e pianista italiano.

BiografiaModifica

Diplomato in pianoforte al Conservatorio Gioachino Rossini di Pesaro e in composizione al Conservatorio Giuseppe Verdi di Milano, si è perfezionato con Carlo Zecchi al "Mozarteum" di Salisburgo e con Franco Scala, Jörg Demus, Bruno Canino, Alexander Lonquich, György Sándor e altri, svolgendo attività concertistica in Patria e all'estero e vincendo numerose competizioni pianistiche.[1]

Con il "Trio Diaghilev" (due pianoforti e percussione), ha proposto alcuni fra i più importanti capolavori musicali del '900 nonché sue composizioni scritte appositamente per il gruppo in importanti stagioni concertistiche (Rossini Opera Festival, Istituzione Universitaria dei Concerti di Roma, Sagra Musicale Malatestiana di Rimini, Associazione Scarlatti di Napoli, stagioni sinfoniche della Filarmonica del Teatro comunale di Bologna, della Filarmonica A. Toscanini, dell'Orchestra sinfonica nazionale della RAI di Torino, Orchestra Haydn di Bolzano e altre).[2]

Nel 1995 è stato invitato a rappresentare l'Italia al Festival Internazionale “Europäische Klaviertage” di Iffeldorf, con un recital trasmesso in diretta dalla Radio Bavarese[3].

La sua attività di compositore è proceduta parallelamente, ottenendo riconoscimenti in Concorsi internazionali[4], esecuzioni radiofoniche RAI (“Radiotre Suite”, “Il brivido della classica”, “Piazza Verdi"[5]) e commissioni da parte di varie istituzioni artistiche (Rassegna Lirica Torelliana[6], Sagra Musicale Malatestiana, Feste Musicali di Bologna, Rossini Opera Festival[7], Accademia Pianistica Incontri col Maestro ecc.).

Insegna presso il Conservatorio di Pesaro[8], dove ha diretto il "Laboratorio di musica del '900 e contemporanea".[9]

I suoi lavori sono editi da "Preludio Music"[10] e "Da Vinci Publishing"[11]. Nel 2012 ha inaugurato un progetto che prevede l'incisione di tutte le sue opere per pianoforte solo e di musica da camera.

In un'intervista apparsa nel 2015[12] Mario Totaro ha precisato che la sua scrittura assume la grande tradizione musicale occidentale (sia come ispirazione diretta sia nella struttura) non per imitarla acriticamente bensì per "farla propria" a fini espressivi originali. Ha inoltre precisato che la sua ricerca consiste principalmente nel riuscire a far coesistere complessità concettuale e immediatezza d'ascolto, artigianato rigoroso e comunicatività, rivendicando la sua equidistanza dal costruttivismo da una parte e dal cosiddetto neoromanticismo dall'altra. Secondo il musicologo Gabriele Moroni "nell'opera di Totaro esiste un chiaro iato fra strutture compositive, talora veramente complesse, e la musica che percepiamo: pur essendo talora simili i procedimenti adottati, i risultati sono profondamente diversi, beninteso non dal punto di vista qualitativo ma da quello puramente sonoro. Dal punto di vista del linguaggio Totaro non fa sperimentazione sul suono; nondimeno è evidentissimo, nel suo modo di procedere, una costante volontà di ricerca."[13] Più in generale: il rapporto con le tecniche, gli stilemi, i materiali, le strutture formali della tradizione appare improntato a una scioltezza estrema e spregiudicata, con un atteggiamento spesso ludico, divertito e divertente che si rifiuta di considerare la storia della musica come una traiettoria retta che si muove solo in una direzione. Di qui la compresenza, anche all'interno dello stesso brano, di stilemi differenti (modalità, tonalità, atonalità), gli scenari estrosi e parodistici di alcune pagine, l'interesse per l'esoterismo ma anche per la popular music; il tutto costantemente sorretto da autenticità poetica e da una sottile consapevolezza e coerenza strutturale.

Opere principaliModifica

SOLO

  • Ba’atti, su youtube.com. , per un percussionista (1998)
  • Tre Studi, su mariototaro.it. (Tango, Scherzo e Toccata) per fisarmonica (2018)

PIANOFORTE SOLO

MUSICA DA CAMERA

  • Totantango, su youtube.com., per pianoforte a 4 mani o 2 pianoforti, o 2 pianoforti e percussione) (1988)
  • Fantaisie 1989, su mariototaro.it. , per 2 pianoforti o pianoforte a 4 mani (1989)
  • Caprice Fantasque, su youtube.com. , divertimento su temi di Gioacchino Rossini per pianoforte a 4 mani o 2 pianoforti, o 2 pianoforti e percussione (1994)
  • The Raven, su youtube.com. , melologo per voce recitante, violino e pianoforte (1998)
  • Lots of thence, su youtube.com. , per voce e complesso jazz-rock (1999)
  • Vivo, su youtube.com. , per marimba o vibrafono o sax soprano e pianoforte (2003)
  • Folk medley, su youtube.com. , per voce, flauto, clarinetto e arpa (2008-09)
  • Five Esoteric Poems, su youtube.com. , per mezzosoprano e pianoforte (2009)
  • Due Piccoli Studi, su mariototaro.it., per tre flauti (2009)
  • Ex Oedipo Suite, su youtube.com., per pianoforte a 4 mani o 2 pianoforti (2011)
  • HARSA, su youtube.com., per quartetto di sassofoni (2012)
  • Exercise for Bruno, su youtube.com., per complesso da camera (2013)
  • Ah, misérables cœurs, su mariototaro.it., per flauto, voce e pianoforte (2019)

MUSICA SINFONICA / CORALE

TEATRO MUSICALE

TRASCRIZIONI

DiscografiaModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàBNE (ESXX1794177 (data)