Apri il menu principale
Orchestra Haydn di Bolzano e Trento
Haydn Orchester von Bozen und Trient
Paese d'origineItalia Italia
GenereMusica classica
Periodo di attività musicale1960 – in attività
Sito ufficiale

L'Orchestra Haydn di Bolzano e Trento (in tedesco Haydn-Orchester von Bozen und Trient) è un'orchestra sinfonica italiana con sede a Bolzano, in Alto Adige. Prende il nome dal compositore austriaco Franz Joseph Haydn (17321809).

StoriaModifica

L'orchestra si è costituita nel 1960 per iniziativa dei comuni e delle province di Bolzano e di Trento e gode dei finanziamenti ministeriali del Fondo unico per lo spettacolo (FUS). Dal 2000 la sua sede è l'Auditorium Haydn di Bolzano e dal 2002 ha assunto lo status di fondazione.

Ha uno storico legame con il Concorso Busoni, di cui è partner istituzionale[1] e accompagna i finalisti nella prova finale con orchestra. Da vari anni inoltre l'orchestra ha attivato anche progetti educativi volti a diffondere la musica classica nelle varie fasce d'istruzione, dalla scuola dell'infanzia alla scuola secondaria.

Attualmente la Haydn ha una sua stagione sinfonica (con concerti fissi a Bolzano e Trento e occasionali repliche in trasferta), promuove una serie di concerti estivi dislocati principalmente sul territorio regionale, partecipa alle attività della stagione lirica regionale OPER.A 20.21 organizzata dalla Fondazione Haydn e si esibisce in numerosi concerti in trasferta.

Ha preso parte a vari festival internazionali, apparendo in Austria (a Bregenz, Erl, al Mozarteum di Salisburgo e al Musikverein di Vienna), Germania, Giappone (a Otsu e Tokyo), Italia (in numerose sale da concerto, da Firenze a Milano, alla Sagra Musicale Umbra di Perugia, al Rossini Opera Festival di Pesaro, alla Biennale di Venezia), nei Paesi Bassi, negli Stati Uniti d'America, in Svizzera e in Ungheria.

Sul suo podio sono saliti, fra gli altri, Claudio Abbado, Rinaldo Alessandrini, Riccardo Chailly, Ottavio Dantone, Eliahu Inbal, Alain Lombard, Jesús López-Cobos, Neville Marriner, Riccardo Muti, Daniel Oren, José Serebrier e Alberto Zedda.

Il suo repertorio spazia dal barocco ai contemporanei; in più occasioni autori come Luigi Dallapiccola, Luigi Nono, Luciano Berio, Franco Donatoni, Giorgio Battistelli, Matteo D'Amico e Giovanni Sollima le hanno affidato dei loro lavori in prima esecuzione assoluta.

Moltissime sono le registrazioni radiofoniche e televisive per la RAI. Ampia l'opera di incisione discografica (CD e DVD) per case discografiche quali Agorá, Amadeus, Arts, Camerata Tokyo, Col-Legno, Concerto, CPO, Dynamic, Multigram, Naxos, Opus Arte, RCA, Unitel, Universal, VMC Classic e Zecchini.[2]

Direttori stabiliModifica

Direttori artisticiModifica

Discografia parzialeModifica

  • 1967 – Haydn: Symphonies - Antonio Pedrotti (Turnabout VOX)
  • 1993 – Haydn: Concertos for Violin, Piano and Trumpet - Barry Faldner/Benjamin Schmid, Anna Kravtchenko, Sandro Verzari (VMC Classic)
  • 1993 – Schubert: Symphonies - Barry Faldner (VMC Classic)
  • 1994 – Rossini: Early Sinfonias - Alun Francis (CPO)
  • 1994 – Casella: Serenata, Concerto per archi, Divertimento per Fulvia - Alun Francis (CPO)
  • 1998 – Liszt: The Piano Concertos, Totentanz - Karl Martin/Jeffrey Swann (Agorá)
  • 1998 – Gershwin: Rhapsody in Blue, Piano Concerto, An American in Paris - Peter Keuschnig/Jeffrey Swann (Agorá)
  • 2001 – La Chanson Francaise - Peter Keuschnig/Milva (CPO)
  • 2001 – Chopin: The Piano Concertos - Christoph Eberle/Jeffrey Swann (Agorá)
  • 2001 – Hartmann: San Francesco - Karl Martin/Sylvia Rieser, Barbara Holz, F. Lang, Vito Maria Brunetti, Coro Musici Cantori (Agorá)
  • 2003 – Weber: The Clarinet Concertos - Alessandro Carbonare (ARTS)
  • 2006 – Tchaikovsky: Cello Works - Ola Rudner/Umberto Clerici (Amadeus)
  • 2006 – Flute Concertos - Ola Rudner/Wolgang Schulz (Camerata Tokyo)
  • 2005 – Zandonai: Concerto Romantico, Quadri di Segantini - Maurizio Dini Ciacci, Giuseppe Grazioli/Stefano Zanchetta (CPO)
  • 2005 – Thuille: Symphony, Piano Concerto - Alun Francis/Oliver Triendl (CPO)
  • 2007 – Donizetti: Adelia - Gustav Kuhn/Michela Sburlati, Hermine Haselböck, David Sotgiu, Xavier Rouillon, Giorgio Valenta, Giulio Mastrototaro, Andrea Silvestrelli (RCA)
  • 2007 – Beethoven: Piano Concertos - Gustav Kuhn/Jasminka Stancul (Col-legno)
  • 2007 – Beethoven: The 9 Symphonies - Gustav Kuhn/Soloists of Accademia di Montegral (Col-legno)
  • 2008 – Cimarosa: Dixit Dominus- Fabio Pirona/Cinzia Rizzone, Sylvia Rottensteiner, Gregory Bonfatti (CPO)
  • 2008 – Ferlendis: Oboe Concertos - Diego Dini Ciacci (CPO)
  • 2008 – Vieuxtemps: Violin Concertos - Massimo Quarta (Amadeus)
  • 2008 – Mozart: Piano Concertos - Gustav Kuhn/Jasminka Stancul (Col-legno)
  • 2008 – Beethoven: Missa Solemnis - Gustav Kuhn/Chorus Academy of the Tyrolean Festival, Soloists of Accademia di Montegral (Col-legno)
  • 2008 – Brahms: The 4 Symphonies - Gustav Kuhn (Col-legno)
  • 2011 – Schumann: The 4 Symphonies - Gustav Kuhn (Col-legno)
  • 2011 – Schumann: Piano Concerto - Gustav Kuhn/Davide Cabassi (Col-legno)
  • 2012 – Beethoven: Triple Concerto - Trisdee na Patalung/Trio di Parma (Amadeus)
  • 2012 – Mario Castelnuovo-Tedesco - Luigi Azzolini/Coro Polifonico Castelbarco, Giulio Tampalini (Concerto Classics)
  • 2015 – Giorgio Gaslini: Murales Promenade - Yoichi Sugiyama/Alfonso Alberti (Stradivarius)
  • 2015 – Piccolo Concertos - Marco Angius/Nicola Mazzanti, Alessandro Visintini (Brilliant Classics)

NoteModifica

  1. ^ partners, su Concorso Busoni. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  2. ^ Orchestra Haydn Di Bolzano E Trento, su Discogs. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  3. ^ Orchestra Haydn di Bolzano e Trento discography, su RateYourMusic. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  4. ^ Welcome to Alun Francis' Homepage, su www.alunfrancis.com. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  5. ^ Curriculum Cristian Mandeal, su connaughtartists.com.
  6. ^ Biography, su Ola Rudner. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  7. ^ (EN) Arvo Volmer — Conductor, su arvovolmer.com. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  8. ^ Coro Valsella / Andrea Mascagni | 1917 - 2017 - Centenario nascita, su www.corovalsella.it. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  9. ^ Curriculum Hubert Stuppner, su festivalenescu.ro.
  10. ^ (DE) gustavkuhn | Lebenslauf, su gustavkuhn. URL consultato il 9 dicembre 2018.
  11. ^ Spini alla Haydn, su Il giornale della musica. URL consultato il 9 dicembre 2018.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN131651732 · ISNI (EN0000 0001 2286 1053 · LCCN (ENno96013497 · GND (DE10018700-6 · BNF (FRcb142521136 (data) · WorldCat Identities (ENno96-013497