Apri il menu principale
Martin Crepaz
Nazionalità Italia Italia
Altezza 170 cm
Peso 78 kg
Hockey su ghiaccio Ice hockey pictogram.svg
Ruolo Difensore
Tiro Sinistro
Ritirato 2004
Carriera
Periodo Squadra PG G A Pt
Squadre di club0
1983-1990 Bruneck-Brunico 68+ 30 55 85
1990-1992 Bolzano 70 11 31 42
1992-2001 Bruneck-Brunico 268+ 111 154 265
2001-2004 Val Pusteria 57+ 33 46 79
Nazionale
1980-1981 Italia Italia U-18 5 1 0 1
1985-1991 Italia Italia 41 4 0 4
0 Dati relativi al campionato e ai playoff.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 15 settembre 2012

Martin Crepaz (Brunico, 8 gennaio 1962) è un ex hockeista su ghiaccio italiano.

Indice

CarrieraModifica

ClubModifica

È un difensore di stecca sinistra. Ha iniziato la sua carriera nella squadra della sua città, l'HC Brunico, nel 1983-84. Con i pusteresi ha giocato per quasi tutta la sua carriera, anche dopo il cambio di nome in HC Val Pusteria nel 2001: fanno eccezione solo due stagioni (1990-91 e 1991-92) con la maglia dell'Hockey Club Bolzano[1].

Nel campionato 1986-87 è stato eletto miglior difensore del torneo[2]. Si è ritirato dall'hockey professionistico al termine della stagione 2003-04.

NazionaleModifica

Ha indossato più volte la maglia della Nazionale. L'esordio risale al 21 dicembre 1985 contro la Repubblica Democratica Tedesca. Ha partecipato poi ai mondiali, tutti di gruppo B, del 1986, 1989 e 1990[3]. L'ultimo incontro in maglia azzurra è nel 1991.

Vita privataModifica

Crepaz proviene da una famiglia di hockeisti. Il padre Heiner, i fratelli Josef e Klaus, ed i figli di quest'ultimo, Hannes e Lukas, hanno tutti vestito la maglia della squadra brunicense.[4]

PalmarèsModifica

IndividualeModifica

1986-1987

NoteModifica

  1. ^ scheda di Crepaz Archiviato il 28 settembre 2007 in Internet Archive. su bhsa.it
  2. ^ da eurohockey.net
  3. ^ dal sito della FISG Archiviato il 26 giugno 2006 in Internet Archive.
  4. ^ Michele Bolognini, I Crepaz, una dinastia sul ghiaccio. Lukas il primo a giocare per lo scudetto, su altoadige.it, 5 aprile 2012. URL consultato il 15 dicembre 2018.

Collegamenti esterniModifica