Massimiliano Pavan

storico dell'antichità italiano (1920-1991)

Massimiliano Pavan (Venezia, 30 agosto 1920Padova, 17 gennaio 1991) è stato uno storico e accademico italiano.

BiografiaModifica

Laureato con Aldo Ferrabino in Storia all'Università di Padova dove seguì anche i corsi di Concetto Marchesi e Manara Valgimigli, fu docente di storia greca e romana nelle Università di Perugia e Roma. Studioso in particolare della romanizzazione della Dalmazia e dell'area danubiana, fu presidente della Società Dalmata di Storia Patria. Per l'Istituto dell'Enciclopedia Italiana ricoprì le cariche di direttore del Dizionario Biografico degli Italiani e, con altri, delle enciclopedie virgiliana e oraziana. Poiché Pavan ebbe tra i suoi interessi di studio anche la figura di Antonio Canova, la sua biblioteca fu donata dagli eredi nel 2009 al Museo dedicato all'artista [1]

Opere principaliModifica

  • La crisi della scuola nel IV secolo d.C., Bari, Laterza, 1952
  • La grecità politica da Tucidide ad Aristotele, Roma, L'Erma di Bretschneider, 1958
  • La politica gotica di Teodosio nella pubblicistica del suo tempo, Roma, L'Erma di Bretschneider, 1964
  • Antichita classica e pensiero moderno, Firenze, La Nuova Italia, 1973
  • L'antichita classica, Roma, Studium, 1977
  • L'avventura del Partenone: un monumento nella storia, Firenze, Sansoni, 1983
  • Tra classicità e cristianesimo: scritti raccolti in memoria, a cura di Giorgio Bonamente, Roma, Istituto della Enciclopedia italiana, 1999

BibliografiaModifica

  • Rita Tolomeo, In ricordo di Massimiliano Pavan, "Atti e memorie della società Dalmata di Storia Patria", XIV (1990-1991)
  • Per Massimiliano Pavan in ricordo di un maestro, a cura di Giorgio Bonamente, Assisi, Editrice Minerva, 1993
  • Franco Sartori, Ricordo di Massimiliano Pavan, in La diffusione dell'eredita classica nell'eta tardoantica e medievale, Atti del Seminario Internazionale di studio (Roma-Napoli, 25-27 settembre 1997), Alessandria, Ed. dell'Orso, 1998

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN36929860 · ISNI (EN0000 0001 0799 1175 · LCCN (ENn88018898 · GND (DE119185644 · BNF (FRcb12018691c (data) · BNE (ESXX1391381 (data) · BAV (EN495/198348 · WorldCat Identities (ENviaf-165441729