Maternus Cholinus

tipografo e libraio belga attivo a Colonia (fl. 1547-1588)

Maternus Cholinus (Colonia, 15251588) è stato un tipografo e editore tedesco. Lavorò a Colonia dove pubblicò circa 250 opere tra il 1555 e la sua morte. Sposò Cordula Siltars dalla quale ebbe nove figli. Uno di questi, Goswin Cholinus (1583-1606), proseguì la sua attività.[1]

Maternus Cholinus, De fide catholica, 1556

Biografia modifica

Profondamente cattolico, Cholinus fu attraverso la sua attività editoriale un campione del cattolicesimo controriformista. Intrattenne relazioni strette con i gesuiti di Colonia. Pietro Canisio lo lodò come un uomo affidabile e devoto al Cattolicesimo e gli fece ottenere, nel 1560, un privilegio imperiale di stampa della durata di dieci anni a protezione delle sue edizioni contro le contraffazioni e le ristampe. Cholinus fu anche in stretto contatto con il cardinale Osio, vescovo di Varmia, e nel 1584 pubblicò l'edizione completa delle sue opere. Dal 1555, anno in cui cominciò a stampare, fino alla morte, Cholinus pubblicò circa 250 opere di vario contenuto, diventando uno dei più importanti editori e stampatori della Germania del XVI secolo. La sua produzione comprende edizioni dei Padri, opere canonistiche ed esegetiche, sermoni e libri liturgici, opuscoli contro la Riforma, catechismi, tra i quali la prima edizione del Piccolo Catechismo di Pietro Canisio, e opere di studiosi cattolici contemporanei.

Pubblicazioni (selezione) modifica

Note modifica

Controllo di autoritàVIAF (EN100283318 · ISNI (EN0000 0001 2145 3234 · SBN BVEV017462 · CERL cnp01448115 · LCCN (ENno96037437 · GND (DE119640619 · BNE (ESXX4431432 (data) · BNF (FRcb12239045j (data) · NSK (HR000230661 · CONOR.SI (SL155768675