Apri il menu principale

Matthias Lanzinger

sciatore alpino austriaco
Matthias Lanzinger
Matthias Lanzinger.jpg
Matthias Lanzinger a Hinterstoder nel 2006
Nazionalità Austria Austria
Altezza 185 cm
Peso 85 kg
Sci alpino Alpine skiing pictogram.svg
Specialità Discesa libera, supergigante, slalom gigante, sci alpino paralimpico
Categoria In piedi (categoria paralimpica)
Squadra Union Abtenau
Palmarès
Paralimpiadi 0 2 0
Mondiali paralimpici 1 3 3
Mondiali juniores 1 1 0
Coppa Europa 1 trofeo
Per maggiori dettagli vedi qui
Statistiche aggiornate al 13 novembre 2015

Matthias Lanzinger (Abtenau, 9 dicembre 1980) è uno sciatore alpino austriaco. Vincitore della Coppa Europa nel 2004, a causa di un grave incidente occorsogli in gara nel 2008 ha subito l'amputazione di una gamba; in seguito è tornato alle competizioni, dedicandosi allo sci alpino paralimpico e vincendo in tale categoria varie medaglie paralimpiche e iridate.

BiografiaModifica

Carriera sciisticaModifica

Stagioni 1996-2004Modifica

Specializzato soprattutto in supergigante e slalom gigante, Lanzinger ha iniziato a prendere parte a gare FIS nell'agosto del 1995 e ha esordito in Coppa Europa il 9 gennaio 1998 a Donnersbachwald in slalom speciale, classificandosi 24º. Ha ottenuto i primi risultati di prestigio in carriera nel 2000 ai Mondiali juniores del Québec, dove ha conquistato la medaglia d'oro nella combinata e quella d'argento nello slalom speciale

In Coppa Europa ha conquistato il primo podio il 9 dicembre 2001 a Damüls in slalom gigante (3º) e la prima vittoria il 17 dicembre 2003 a Ponte di Legno/Passo del Tonale in discesa libera. In quella stagione 2003-2004 si è aggiudicato il trofeo continentale, piazzandosi anche al 2º posto nella classifica di supergigante.

Stagioni 2005-2008Modifica

In Coppa del Mondo ha esordito il 28 novembre 2004 nel supergigante di Lake Louise, giungendo 12º, e ha ottenuto il suo unico podio a Beaver Creek in supergigante il 1º dicembre 2005 (3º). Il 27 febbraio 2007 ha conquistato a Hermagor-Pressegger See in slalom gigante la sua ultima vittoria in Coppa Europa, nonché ultimo podio; alla fine di quella stagione è risultato 3º nella classifica generale e nuovamente 2º in quella di supergigante del trofeo continentale.

Domenica 2 marzo 2008, durante una gara di supergigante valida per la Coppa del Mondo a Lillehammer Kvitfjell, in seguito a una caduta Lanzinger, urtando forse contro il paletto di rilevamento dei tempi e a seguito delle violenti distorsioni alle articolazioni (lo sci sinistro non si era sganciato e il piede era stato torto più volte), ha riportato una frattura multipla alla gamba sinistra e una commozione cerebrale ed è stato trasportato, dopo diverso tempo, da un elicottero privato fino all'ospedale di Lillehammer, dal quale è stato in seguito trasferito per un intervento chirurgico d'urgenza all'ospedale universitario Ullevål di Oslo. Il martedì mattina, dopo ripetuti tentativi di ripristinare la circolazione del sangue della gamba, il medico ha eseguito l'amputazione al di sotto del ginocchio[1]. L'incidente ha poi avuto strascichi giudiziari con la richiesta di un risarcimento da parte dell'atleta nei confronti della FIS per il ritardo nei soccorsi[2]. In carriera non ha preso parte né a rassegne olimpicheiridate.

Stagioni 2012-2015Modifica

 
Lanzinger al termine del supergigante dei Mondiali paralimpici di La Molina 2013

Dalla stagione 2011-2012 Lanziger è tornato alle gare, nello sci alpino paralimpico (categoria in piedi), e in quella sua prima annata ha colto la prima vittoria in Coppa Europa[3]. Nel 2012-2013 ha iniziato a vincere le sue prime gare in Coppa del Mondo, classificandosi 2º nella classifica generale, e ha preso parte ai Mondiali di La Molina, vincendo la medaglia d'oro nella supercombinata[4], quella d'argento nel supergigante[5] e quella di bronzo nella discesa libera[6].

Nel 2014 ha preso parte agli XI Giochi paralimpici invernali di Soči 2014, vincendo la medaglia d'argento nel supergigante e nella supercombinata e classificandosi 4º nella discesa libera[3], mentre nel 2015 ai Mondiali di Panorama si è aggiudicato la medaglia d'argento nella discesa libera e nel supergigante e quella di bronzo nella supercombinata e nella gara a squadre[3].

Altre attivitàModifica

A partire dalla stagione 2008-2009 collabora con il programma televisivo Sport am Sonntag della Orf in qualità di esperto della Coppa del Mondo. È inoltre opinionista, sempre in ambito sportivo, del quotidiano viennese Kronen Zeitung[3].

PalmarèsModifica

 
Matthias Lanzinger (argento, a sinistra) sul podio del supergigante in piedi ai Mondiali paralimpici di La Molina 2013, con Markus Salcher (oro, al centro) e Michael Brügger (bronzo, a destra)

ParalimpiadiModifica

Mondiali paralimpiciModifica

Mondiali junioresModifica

Coppa del MondoModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 54º nel 2006
  • 1 podio:
    • 1 terzo posto

Coppa del Mondo paralimpicaModifica

  • Miglior piazzamento in classifica generale: 2º nel 2013[3]
  • 17 podi[3]:
    • 10 vittorie
    • 5 secondi posti
    • 2 terzi posti

Coppa EuropaModifica

Coppa Europa - vittorieModifica

Data Località Paese Specialità
17 dicembre 2003 Ponte di Legno/Passo del Tonale   Italia DH
6 febbraio 2004 Les Orres   Francia SG
9 gennaio 2006 Hinterstoder   Austria SG
27 febbraio 2007 Hermagor-Pressegger See   Austria GS

Legenda:
DH = discesa libera
SG = supergigante

GS = slalom gigante

Coppa Europa paralimpicaModifica

  • 7 podi[3]:
    • 5 vittorie
    • 1 secondi posti
    • 1 terzi posti

Campionati austriaciModifica

Campionati austriaci junioresModifica

NoteModifica

  1. ^ Sci, dramma Lanzinger. Amputata la gamba sinistra, in La Gazzetta dello Sport, 4 marzo 2008. URL consultato il 14 novembre 2015.
  2. ^ Luca Perenzoni, Lanzinger chiede un risarcimento alla Fis, in Fantaski.it, 27 ottobre 2008. URL consultato il 14 novembre 2015.
  3. ^ a b c d e f g h i (DE) "Porträt Matthias Lanzinger" sul sito personale, su lanzi.at. URL consultato il 14 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 14 novembre 2015).
  4. ^ a b (EN) "Men's Super Combined Standing" sul sito della manifestazione, su paralympic.org. URL consultato il 14 novembre 2015.
  5. ^ a b (EN) "Men's Super-G Standing" sul sito della manifestazione, su paralympic.org. URL consultato il 14 novembre 2015.
  6. ^ a b (EN) "Men's Downhill Standing" sul sito della manifestazione, su paralympic.org. URL consultato il 14 novembre 2015.
  7. ^ a b (DE) Matthias Lanzinger, su oesv.at - ÖSV-Siegertafel, Federazione sciistica dell'Austria (Österreichischer Skiverband). URL consultato il 14 novembre 2015.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica