Apri il menu principale

Medardo Joseph Mazombwe

cardinale e arcivescovo cattolico zambiano
Medardo Joseph Mazombwe
cardinale di Santa Romana Chiesa
Template-Cardinal (Metropolitan Archbishop).svg
 
Incarichi ricoperti
 
Nato24 settembre 1931, Chundamira
Ordinato presbitero4 settembre 1960
Nominato vescovo11 novembre 1970 da papa Paolo VI
Consacrato vescovo7 febbraio 1971 dall'arcivescovo Emmanuel Milingo (poi dimesso dallo stato clericale)
Elevato arcivescovo30 novembre 1996 da papa Giovanni Paolo II
Creato cardinale20 novembre 2010 da papa Benedetto XVI
Deceduto29 agosto 2013, Lusaka
 

Medardo Joseph Mazombwe (Chundamira, 24 settembre 1931Lusaka, 29 agosto 2013) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico zambiano.

BiografiaModifica

Dopo gli studi, ha ricevuto l'ordinazione sacerdotale il 4 settembre 1960.

Dopo aver prestato servizio come sacerdote nel suo Paese, ha ricevuto la nomina vescovile da parte di papa Paolo VI, che lo nominò l'11 novembre 1970 vescovo di Chipata.

Ha ricevuto la consacrazione episcopale il 7 febbraio 1971 dall'arcivescovo di Lusaka Emmanuel Milingo. Nel 1980 inaugurò il seminario diocesano di Chipata, dedicato a Santa Maria.

Il 30 novembre 1996 papa Giovanni Paolo II lo ha nominato arcivescovo di Lusaka, dove successe al precedente arcivescovo, Adrian Mung'andu.

Ha guidato la Conferenza Episcopale della sua Nazione per ben tre volte: dal 1972 al 1975, dal 1988 al 1990 e, infine, dal 1999 al 2002. Ha anche presieduto la Conferenza Episcopale dell'Africa dell'Est dal 1979 al 1986.

Il 28 ottobre 2006 ha rassegnato le dimissioni dal governo pastorale dell'arcidiocesi per raggiunti limiti d'età.

Papa Benedetto XVI lo ha elevato al rango di cardinale con il titolo presbiterale di Santa Emerenziana a Tor Fiorenza nel concistoro del 20 novembre 2010.

Il 24 settembre 2011 ha compiuto ottant'anni, perdendo il diritto di prender parte al prossimo conclave.

Il 29 agosto 2013 è morto a Lusaka all'età di 81 anni. È sepolto nel cortile della cattedrale di Gesù Bambino di Lusaka.[1]

Genealogia episcopaleModifica

NoteModifica

Collegamenti esterniModifica