Mediis

frazione del comune italiano di Socchieve
Mediis
frazione
Mediis
Mediis – Veduta
Scorcio del paese
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneFriuli-Venezia-Giulia-Stemma.svg Friuli-Venezia Giulia
ProvinciaProvincia di Udine-Stemma.svg Udine
ComuneSocchieve-Stemma.jpg Socchieve
Territorio
Coordinate46°23′47.87″N 12°50′52.87″E / 46.396631°N 12.848019°E46.396631; 12.848019 (Mediis)Coordinate: 46°23′47.87″N 12°50′52.87″E / 46.396631°N 12.848019°E46.396631; 12.848019 (Mediis)
Altitudine486 m s.l.m.
Abitanti139
Altre informazioni
Lingueitaliano
Cod. postale33020
Prefisso0433
Fuso orarioUTC+1
PatronoSan Biagio
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Mediis
Mediis

La frazione di Mediis appartiene al comune di Socchieve, in provincia di Udine, nella regione Friuli-Venezia Giulia; situata a 480 m s.l.m., è sede del municipio di Socchieve[1], e conta 139 abitanti. Oltre alla chiesa di S.Biagio, è presente il Palazzo settecentesco Parussatti[2].

La chiesa di San BiagioModifica

 
Vista frontale della chiesa di San Biagio a Mediis

Sorge nell'abitato (quota m. 480) ed è stata recentemente restaurata. È una costruzione del sec. XVI[3] con qualche modifica posteriore. È a pianta rettangolare, con presbiterio a pianta quadrata e una sagrestia a destra del medesimo. Per molti aspetti è simile a San Martino di Socchieve. L'elegante portico che la precede è del sec. XVIII, con copertura a tre spioventi, sostenuto da pilastri che poggiano su un muretto. A sinistra dei gradini di accesso ci sono due elementi in pietra, l'inferiore del quale porta la data del 1502. La facciata è completata dal campaniletto a bifora, di tipo barocco, di pietre lavorate. All'interno, l'aula è separata dal coro da un arco in pietra, e un arco la divide anche da una cappellina ch'è sulla destra. C'è un'acquasantiera in pietra lavorata, con vaschetta di pietra nera. Nel coro sono stati trovati degli affreschi rappresentanti i Padri della Chiesa, in alto; lungo le pareti altri soggetti poco riconoscibili, salvo due figure, a sinistra, a fianco della finestra. C'è inoltre un altare ligneo a sportelli, probabilmente di Michael Parth da Brunico, del 1545 circa[4]. Racchiude statue a tutto tondo: la Madonna col Bambino, tra San Biagio e San Floriano. Gli sportelli invece recano bassorilievi raffiguranti Sant'Antonio Abate e San Mauro. Sulla predella dipinta, Cristo che risorge, tra la Madonna e San Giovanni. All'esterno, gli sportelli recano due Santi, dipinti. Uscendo dalla chiesa si vede il Monte Tinisa che sovrasta il paese. Funzioni speciali vi si tengono in occasione di San Biagio e Sant'Antonio.

 Lo stesso argomento in dettaglio: Chiesa di San Biagio (Mediis).

Il palazzo ParussattiModifica

Il palazzo risale al 1749 e fu edificato per Osvaldo Parussatti, ammiraglio della Repubblica di Venezia. L'edificio è costituito da un corpo unico che si sviluppa su pianta rettangolare e presenta lateralmente un corpo di fabbrica più basso che ospitava originariamente un focolare. All’interno è presente un ritratto in livrea dell’antico proprietario ed è caratterizzato dalla presenza di un muro che precede l'ingresso e nel quale si apre un portale che immette in un piccolo giardino. L'ingresso è al centro della facciata ed è costituito da una porta con forma di arco a tutto sesto in pietra grigia. Nel 2009 è stato acquisito al patrimonio comunale dall’ultimo erede dei Parussatti.

Nella prima metà del 1900, ha subito alcuni lavori di consolidamento e manutenzione che sono proseguiti negli anni Ottanta è attualmente, grazie a due finanziamenti regionali di 650 mila e 430 mila euro circa, l’edificio sta subendo una ristrutturazione ad opera della ditta l’Unione di Enemonzo su progetto dell’architetto Antonio Fabiani di Tolmezzo, che destineranno il secondo lotto a casa municipale. [5]

Il 17 marzo 2013 il comune di Socchieve firma l’incarico di progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva, nonché coordinamento per la sicurezza in fase di progettazione per il restauro.[6] Il 12 maggio 2017, Orlando Gonano, responsabile servizio tecnico-manutentivo presso il Comune di Socchieve, firma la procedura negoziata per l’affidamento dell’intervento di ristrutturazione del primo lotto del costo complessivo di €438.179,14 [7] da destinare allo svolgimento delle attività del volontariato, della solidarietà, del tempo libero e dell’aggregazione sociale e giovanile, che deve essere compiuta in 230 giorni naturali consecutivi dalla data riportata nel verbale di inizio lavori.

La ristrutturazione completa dei due lotti ammonta a € 1.100.000,00 [8]

NoteModifica

  1. ^ tuttitalia.it
  2. ^ Enciclopedia monografica del Friuli-Venezia Giulia, pt.1-2. Il paese (2 v.) 1971
  3. ^ Touring Editore, 1982
  4. ^ Gian Carlo Menis, Luciana Bros, Museo diocesano d'arte sacra (Udine, Italy), Un museo nel terremoto: l'intervento del Museo diocesano di Udine a favore dei beni culturali mobili coinvolti nel terremoto del 1976, GEAP, 1988, p.279
  5. ^ “Il municipio cambia casa: ecco la nuova sede” - messaggeroveneto.gelocal.it
  6. ^ [1]
  7. ^ [2]
  8. ^ [3]

Collegamenti esterniModifica

  Portale Udine: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Udine