Mellito di Canterbury

arcivescovo cattolico britannico
Mellito di Canterbury
arcivescovo della Chiesa cattolica
St.Mellitus.jpg
Ritratto di San Mellito nella vetrata della chiesa di Santa Maria dell'Essex
Template-Metropolitan Archbishop.svg
 
Incarichi ricoperti
 
NatoVI secolo
Ordinato presbiteroin data sconosciuta
Nominato vescovo604 da papa Gregorio I
Consacrato vescovo28 aprile 604 dall'arcivescovo Agostino di Canterbury
Elevato arcivescovo619 da papa Bonifacio V
Deceduto24 aprile 624 a Canterbury
 
San Mellito di Canterbury

Arcivescovo

 
NascitaVI secolo
Morte24 aprile 624 a Canterbury
Venerato daChiesa cattolica e Chiesa anglicana
Ricorrenza24 aprile

Mellito di Canterbury (VI secoloCanterbury, 24 aprile 624) è stato un arcivescovo britannico, primo vescovo della diocesi di Londra e terzo arcivescovo di Canterbury.

È venerato come santo dalla Chiesa cattolica e dalla Chiesa anglicana.

BiografiaModifica

Beda il Venerabile descrive Mellito come un nobile (Historia Ecclesiastica Gentis Anglorum, II, 7), mentre il papa Gregorio Magno lo definisce abate (Lettere, XI, 54, 59). Potrebbe essere stato abate del monastero di Sant'Andrea sul Celio, fondato proprio da Gregorio.

Mellito fu mandato in Inghilterra nel 601 da Gregorio in risposta all'appello di Agostino, primo arcivescovo di Canterbury, con un nuovo gruppo di missionari. Ebbe dal papa il compito di consegnare il pallium e diversi doni all'arcivescovo.

Fu consacrato vescovo di Londra da Agostino nel 604 e fondò la cattedrale di San Paolo. Fu cacciato da Londra da Sæward e Sexræd, figli di re Sæbert dell'Essex, dopo che egli rifiutò la loro richiesta di assaggiare l'eucaristia.

Si recò in Gallia, ma fu richiamato da san Lorenzo di Canterbury, il secondo arcivescovo di Canterbury. Dopo la morte di quest'ultimo, ne prese il posto, diventando il terzo arcivescovo di Canterbury.

Genealogia episcopaleModifica

La genealogia episcopale è:

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN69324691 · GND (DE102559708 · CERL cnp00296561 · WorldCat Identities (ENviaf-69324691