Metropolitana di Rotterdam

Metropolitana di Rotterdam
Logo
RET 5600 Schiedam.jpg
Treno tipo SG3 presso la fermata Schiedam Centrum
StatoPaesi Bassi Paesi Bassi
CittàRotterdam
Apertura1968
GestoreRET
Sito webwww.ret.nl/en.html
Caratteristiche
Numero linee5
Stazioni62
Lunghezza78,3 km
Materiale rotabileMG2, SG2, MG2/1, SG2/1, RSG3, SG3, HSG3
Statistiche 2017
Passeggeri annuali93 milioni[1]
Mappa della rete
pianta

La metropolitana di Rotterdam è una rete di linee metropolitane che serve la città di Rotterdam e la conurbazione circostante, comprendente anche L'Aia, Schiedam e Spijkenisse[2][3]. La rete è composta da cinque linee, per una lunghezza complessiva di 78,3 km[senza fonte], e 62 stazioni[2]. Il servizio è gestito da RET[4].

Sulla rete è possibile utilizzare la smart card contactless OV-chipkaart, il sistema di bigliettazione elettronico per i trasporti pubblici terrestri di linea dei Paesi Bassi[senza fonte].

StoriaModifica

 
Treno alla fermata Beurs nel 1968

I lavori per la prima linea (chiamata noord-zuidlijn, linea nord-sud), tra Rotterdam Centraal e Zuidplein, sono iniziati nel 1961. L'inaugurazione è avvenuta il 9 febbraio 1968, alla presenza del principe Claus e dell'allora principessa Beatrice. Per l'occasione ogni abitante della città ha ricevuto un biglietto omaggio per accedere alla metropolitana. Il servizio è svolto con treni MG2[5].

Le successive estensioni della noord-zuidlijn vengono realizzate verso sud, raggiungendo Slinge (aperta il 25 novembre 1970) e Zalmplaat (aperta il 25 ottobre 1974)[3].

Nel 1980 vengono introdotti i treni tipo SG2 e due anni dopo, il 10 maggio 1982, viene aperta la oost-westlijn (linea est-ovest) tra le stazioni di Coolhaven e Capelsebrug. Il 28 maggio 1983 la linea raggiunge Binnenhof (attuale capolinea) e il 19 aprile dell'anno successivo viene aperta la diramazione da Graskruid al capolinea attuale De Tochten[3][5].

Il 25 aprile 1985 la noord-zuidlijn raggiunge l'attuale capolinea meridionale De Akkers, a Spijkenisse[3][5].

Ulteriori estensioni della oost-westlijn vengono attivate il 25 aprile 1986 raggiungendo, a ovest, Marconiplein, e il 26 maggio 1994, verso est, con l'apertura della diramazione da Capelsebrug a De Terp, attuale capolinea[3][5].

Il 4 giugno 1997 viene aperta la fermata Wilhelminaplein, costruita tra Leuvehaven e Rijnhaven, sulla noord-zuidlijn[3].

A fine anni novanta le linee ricevono nuovi nomi, in onore di due illustri personaggi della storia di Rotterdam: la noord-zuidlijn assume il nome Erasmuslijn (linea Erasmus, da Erasmo da Rotterdam, teologo), mentre la oost-westlijn assume il nome Calandlijn (linea Caland, da Pietr Caland, ingegnere civile progettista della Nieuwe Waterweg)[3].

Sulla Calandlijn vengono attivate altre due estensioni: il 4 novembre 2002 da Marconiplein a Tussenwater (unendosi alla Erasmuslijn) e il 29 agosto 2005 da De Tochten a Nesselande[3][5].

Nel 2009 le linee assumono definitivamente un identificativo basato su lettere e colori[3].

Nel 2006 la Hofpleinlijn (ferrovia Hofplein) tra Rotterdam Hofplein e L'Aia viene convertita a metropolitana, nell'ambito del progetto per collegare la metropolitana di Rotterdam con L'Aia. Il 17 agosto 2010 viene attivato il collegamento tra Rotterdam Centraal e la linea per L'Aia[3][5].

CronologiaModifica

Data Linea Tratta aperta
9 febbraio 1968 noord-zuidlijn Rotterdam CentraalZuidplein[3][5]
25 novembre 1970 noord-zuidlijn ZuidpleinSlinge[3][5]
25 ottobre 1974 noord-zuidlijn SlingeZalmplaat[3]
10 maggio 1982 oost-westlijn CoolhavenCapelsebrug[3][5]
28 maggio 1983 oost-westlijn CapelsebrugBinnenhof[3][5]
19 aprile 1984 oost-westlijn diramazione GraskruidDe Tochten[3][5]
25 aprile 1985 noord-zuidlijn ZalmplaatDe Akkers[3]
25 aprile 1986 oost-westlijn CoolhavenMarconiplein[3][5]
26 maggio 1994 oost-westlijn diramazione CapelsebrugDe Terp[3][5]
4 giugno 1997 noord-zuidlijn stazione Wilhelminaplein[3]
Fine anni '90 La noord-zuidlijn assume il nome Erasmuslijn[3].
La oost-westlijn assume il nome Calandlijn[3].
2002 Calandlijn MarconipleinTussenwater[3][5]
29 agosto 2005 Calandlijn De TochtenNesselande[3][5]
2006 Hofpleinlijn ferrovia Hofplein convertita in metropolitana[3].
2009 Le linee ricevono l'attuale identificativo mediante lettere e colori[3].
17 agosto 2010  E  Rotterdam CentraalDen Haag Centraal[3][5]

ReteModifica

La rete della metropolitana è composta da cinque linee, identificate da lettere e colori[2].

Linea[2] Percorso[2] Stazioni servite[2]
 A  Schiedam CentrumBinnenhof 20
 B  Schiedam CentrumNesselande 23
 C  De AkkersDe Terp 26
 D  De AkkersRotterdam Centraal 17
 E  SlingeDen Haag Centraal 23

La fermata Beurs è l'unica stazione attraverso cui transitano tutte le linee della rete[2].

Linee A, B e CModifica

Le linee A, B e C attraversano la città di Rotterdam da ovest ad est. La linea C parte dal capolinea sudoccidentale De Akkers, a Spijkenisse, condividendo il percorso con la linea D fino a Tussenwater, dove si dirama raggiungendo Schiedam Centrum (capolinea delle linee A e B). La linea C prosegue condividendo il percoso con le linee A e B fino a Capelsebrug, dove le linee si separano, le linea A e B proseguono insieme verso i capilinea Binnenhof e Nesselande, mentre la linea C verso De Terp. A Graskruid le linee A e B si diramano verso i loro capilinea orientali[2][3].

Il percorso si compone di tratti in galleria e tratti all'aperto (a livello del suolo o su viadotto). Tra De Akkers e Schiedam Centrum (linea C) la rete corre per lo più in superficie, a eccezione dei tunnel dei attraversamento del fiume Oude Maas (tra Spijkenisse Centrum e Zalmplaat) e del fiume Nieuwe Maas (tra Pernis e Vijfsluizen) e delle fermate Troelstralaan e Parkweg. Dopo Schiedam Centrum inizia la galleria, che termina a Kralingse Zoom. La restante tratta, fino ai capilinea orientali (Binnenhof, Nesselande e De Terp) è in superficie o su viadotto[3][6].

Le linee A e B, tra Capelsebrug e i capilinea Binnenhof e Nesselande, sono metrotranvie, alimentate con linea aerea (la linea B tra De Tochten e Nesselande è alimentata a terza rotaia)[3].

Linea DModifica

La linea D collega la stazione centrale di Rotterdam con Spijkenisse, a sud-ovest della città, seguendo l'originario percorso della noord-zuidlijn tra Rotterdam Centraal e Zuidplein. Tra Rotterdam Centraal e Slinge (capolinea della linea E) condivide il percorso con la linea E, dopodiché prosegue fino a Tussenwater, dove incontra la linea C, proseguendo sullo stesso percorso fino al capolinea De Akkers[2][3].

La linea corre in galleria tra Rotterdam Centraal e Wilhelminaplein, dopo la quale la linea prosegue in viadotto o ad altezza del suolo fino a De Akkers, ad eccezione della galleria che transita sotto il fiume Oude Maas (tra Spijkenisse Centrum e Zalmplaat)[3][6].

Linea EModifica

La linea E, collega la parte meridionale di Rotterdam con L'Aia, nell'ambito della rete di trasporti pubblici RandstadRail[senza fonte]. La linea parte da Slinge e condivide il percorso con la linea D fino a Rotterdam Centraal[2][3].

La linea corre su viadotto tra Slinge e Rijnhaven, segue la galleria fino a dopo la fermata Blijdorp, dove la metropolitana usa il percorso della vecchia ferrovia Hofplein[3][6].

Materiale rotabileModifica

Future estensioniModifica

Nel 2013 città di Rotterdam ha deciso di convertire la ferrovia Schiedam-Hoek van Holland in metropolitana e di collegarla alla rete esistente presso la fermata Schiedam Centrum. I lavori sono iniziati nel 2014[9].

NoteModifica

  1. ^ Statistiche, su retjaarverslag.nl.
  2. ^ a b c d e f g h i j (EN) Mappa della metropolitana di Rotterdam (PDF), su RET. URL consultato il 16 febbraio 2018.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah (EN) Rotterdam Metro, su UrbanRail.net. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  4. ^ (ENNL) RET, su RET. URL consultato il 23 febbraio 2018.
  5. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p (NL) Historie, su 50 jaar metro, RET. URL consultato il 21 febbraio 2018.
  6. ^ a b c (EN) Mappa dettagliata della rete metropolitana e tranviaria di Rotterdam e dell'Aia, su UrbanRail.net. URL consultato il 25 febbraio 2018.
  7. ^ a b c d e (NL) Het materieel, su 50 jaar metro, RET. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  8. ^ a b c d e (ENNL) Metro, su RET. URL consultato il 19 febbraio 2018.
  9. ^ (NL) Programma Hoekse Lijn, su Hoekse Lijn. URL consultato il 25 febbraio 2018.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica