Miguel Ángel Blanco

politico spagnolo
Busto di Miguel Angel Blanco nei giardini che portano il suo nome a Madrid

Miguel Ángel Blanco Garrido (Ermua, 13 maggio 1968Lasarte-Oria, 13 luglio 1997[1]) è stato un politico spagnolo, consigliere della località biscaglina di Ermua dal Partito Popolare, tra il 1995 e il 1997. Il 10 luglio 1997 fu rapito da tre membri dell'ETA, i quali chiesero che i prigionieri dell'organizzazione terroristica venissero portati nelle prigioni dei Paesi Baschi. Dato il rifiuto del Governo centrale, il pomeriggio del 12 luglio fu ferito a morte in un campo e morì all'alba del giorno 13.[1].

BiografiaModifica

Miguel Ángel Blanco nasce il 13 maggio 1968 a Ermua (Biscaglia) in una famiglia umile. Ha una sorella, María del Mar. Suo padre, Miguel Blanco, era un operaio edile e sua madre, Consuelo Garrido, era una casalinga. Erano immigrati galiziani di Xunqueira de Espadanedo (Ourense, Galizia)

Miguel Ángel Blanco si è laureato in economia presso l'Università dei Paesi Baschi a Sarriko. Per molto tempo ha lavorato con suo padre nel settore delle costruzioni, ma ha trovato lavoro presso l’Eman Consulting, a Eibar, dove ha fatto il pendolare ogni giorno in treno. Ha anche suonato la batteria nelle band Poker and Cañaveral. Era un appassionato di sport e il suo sogno era di manifestare a Madrid per protestare contro la possibile chiusura del centro sportivo di Ermua.

Nel 1995 si è unito all'ala giovanile del PP, Nuova Generazione; dato che si trattava di un partito relativamente piccolo nell'area in cui i partiti nazionali competono contro il Partito Nazionalista Basco, era il terzo candidato alle elezioni municipali di quell'anno; È divenuto membro del consiglio comunale.

Aveva una fidanzata, Marimar, ed erano intenzionati a sposarsi nel settembre del 1997.

SequestroModifica

Il 10 luglio 1997, Blanco è stato rapito dall'ETA minacciando la sua uccisione se il governo spagnolo non avesse trasferito tutti i prigionieri dell'ETA nelle carceri nei Paesi Baschi entro 48 ore. Centinaia di migliaia di persone si radunarono per manifestare in tutta la Spagna, chiedendo il rilascio di Miguel Ángel. Ma 50 minuti dopo la scadenza del termine, alle 16:50 del 12 luglio, gli hanno sparato alla nuca.[2] Poco dopo, fu trovato alla periferia di San Sebastian, agonizzante, con le mani legate.[3] Morì all'ospedale alle 4:30 il 13 luglio.

RipercussioniModifica

Il suo rapimento e la sua morte furono molto importanti per la società spagnola. Ha anche avuto un profondo impatto sulla società basca e, in una mossa senza precedenti, anche alcuni sostenitori dell'ETA hanno condannato pubblicamente l'uccisione.[4] Lo "Spirito di Ermua" nacque in quel periodo come l'organizzazione anti-terrorismo Forum di Ermua e la Fondazione Miguel Ángel Blanco.

Nel 2006 ha avuto inizio il processo contro i suoi rapitori e assassini, Francisco Javier Garcia Gaztelu ("Txapote") e la sua ragazza, Irantzu Gallastegi ("Amaia"). Un altro rapitore, José Luis Geresta Mujika, si è suicidato due anni dopo l'omicidio di Miguel Ángel.[2]

NoteModifica

  1. ^ a b (ES) «Así fue la cronología del sufrimiento de Miguel Ángel Blanco», lainformacion.com, 13 luglio 2014.
  2. ^ a b (ES) Israel Viana, Todos los atentados de la banda terrorista: Miguel Ángel Blanco, in ETA, medio siglo de terror, ABC, 2010. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  3. ^ (ES) Maribel Marín, ETA abandona a Blanco con dos tiros en la cabeza tras desoír el clamor de los ciudadanos, in El País, 13 luglio 1997, San Sebastián. URL consultato il 24 febbraio 2011.
  4. ^ What is Eta?, in BBC News, BBC, 5 settembre 2010. URL consultato il 24 febbraio 2011.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN16535873 · LCCN (ENn98011750 · GND (DE112971134X · BNE (ESXX1406815 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n98011750