Apri il menu principale

Monday Night è un'espressione inglese, riferita ad eventi sportivi in programma per la serata del lunedì.[1]

Cenni storiciModifica

L'origine storica risale al 21 settembre 1970, quando l'ABC mandò in onda per la prima volta Monday Night Football: il programma trasmetteva in diretta gli incontri del campionato nazionale di football.[2] L'idea — il cui punto di forza risiede nel conferire un maggior risalto all'evento rispetto alla tradizionale programmazione — fu poi ripresa anche nelle altre leghe, interessando la pallacanestro e il baseball.[3] Riguardò inoltre gli sport di lotta trasmessi in forma di spettacolo, tra cui pugilato e wrestling.[3]

Sul fronte europeo, la diffusione del Monday Night è in particolare legata al calcio.[4][5] Tale scelta — legata più ad esigenze televisive che non agonistiche — non ha mancato di generare attriti.[6][7]

NoteModifica

  1. ^ Riccardo Pratesi, Nfl, un Monday night mai visto: i Rams si impongono sui Chief 54-51, su gazzetta.it, 20 novembre 2018.
  2. ^ (EN) September 21, 1970... "ABC Monday Night Football" debuts, su eyesofageneration.com, 21 settembre 2014.
  3. ^ a b (EN) Michael McKenna, The ABC Movie of the Week, Scarecrow Press, 2013, p. 392, ISBN 9780810891579.
  4. ^ Antonello Capone, Rivoluzione DA LUNEDÌ A VENERDÌ, in La Gazzetta dello Sport, 13 gennaio 2010.
  5. ^ L.P., All'estero è già un'abitudine, in La Gazzetta dello Sport, 13 gennaio 2010.
  6. ^ In Bundesliga odiano il Monday night, su rivistaundici.com, 19 febbraio 2019.
  7. ^ Chelsea, Sarri contro il "Monday Night": "Poco tutelati dalla Premier", su repubblica.it, 8 aprile 2019.

Voci correlateModifica

  Portale Sport: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di sport