Monte Sinai (Bibbia)

Monte Sinai nella Bibbia

Il monte Sinai è il luogo in cui, secondo il Libro dell'Esodo, Mosè fu chiamato da Dio attraverso il rovo ardente (Es 3,1 e seguenti) e molti anni dopo ricevette le tavole della legge del decalogo (Es 19,1-3 e seguenti). Mentre le fonti Jahvista (J) e Sacerdotale (P) usano il nome Sinai, quelle Elohista (E) e Deuteronomista (D) usano il nome Oreb.[1]

Alcuni secoli dopo anche il profeta Elia si recò sul monte Oreb, dove parlò con Dio.

Identificazione geograficaModifica

 
La grotta sulla cima del Har Karkom.

Come per molte delle località descritte nell'Esodo, anche per il monte Sinai-Oreb si è persa la memoria toponomastica delle località descritte. Sono state proposte diverse identificazioni:

L'identificazione del monte Sinai biblico col Gebel Musa incontra due problemi: la completa mancanza di riscontri archeologici di attività antecedenti l'era cristiana e la lontananza di almeno 150 km dall'area in cui la Bibbia colloca la tribù di Madian.

Har Karkom, invece, si trova al confine fra il territorio dei madianiti e degli amaleciti e sin dal paleolitico è stato utilizzato come santuario. Tale attività, tuttavia, sembra esaurirsi in epoca antecedente quella in cui tradizionalmente viene collocato l'Esodo e ciò ha ostacolato la sua identificazione con il Sinai biblico.[3]

Esegesi ebraicaModifica

Secondo l'esegesi ebraica sino ad oggi il luogo risulta sconosciuto.

NoteModifica

BibliografiaModifica

  • Flavio Barbiero, Har Karkom il monte di Dio, in Fenix, agosto 2014, pp. 66-71.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Bibbia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Bibbia