Area naturale protetta di interesse locale del Monteferrato

area protetta della provincia di Prato, Italia
(Reindirizzamento da Monteferrato)

L'ANPIL del Monteferrato è un'area naturale protetta riconosciuta dal 1998 che interessa una parte del territorio collinare e montuoso della provincia di Prato

Area naturale protetta di interesse locale
del Monteferrato
Tipo di areaANPIL
Codice EUAPEUAP1028
Class. internaz.SIC (cod.: IT5150002)
StatiBandiera dell'Italia Italia
Regioni  Toscana
Province  Prato
ComuniMontemurlo, Prato e Vaiano
Superficie a terra4.486 ha
Provvedimenti istitutiviD.C.C. 76, 26.03.98 - D.C.C. 16, 30.03.98 - D.C.C. 20, 30.03.98
GestoreComuni di Montemurlo, Prato e Vaiano, Provincia di Prato,

Comunità Montana Val di Bisenzio

Mappa di localizzazione
Map

Territorio modifica

L'area protetta occupa una superficie di 4.486 ha.[1] nel Monteferrato, una struttura montuosa formata dalle quattro cime di Poggio Ferrato o Monte Chiesino, di 420 m sl.lm., di monte Mezzano, di 390 m s.l.m., di Monte Piccioli di 363 m s.l.m., e Poggio Pe'Parte di 263 m s.l.m i quali si ergono rispettivamente nei comuni di Montemurlo, Prato e Vaiano.

All'interno dell'ANPIL ricade interamente il sito di interesse comunitario "Monteferrato e Monte Iavello", di 1.391 ha, un'ulteriore forma di tutela istituita per proteggere tre tipi di habitat: i terreni calcarei erbosi a Alysso-Sedion albi, le rupi a Sedo dasyphylli-Asplenietum cuneifolii e le lande secche[2].


Fauna modifica

Nell'area del Monteferrato sono presenti varie tipologie di mammiferi come cervi, caprioli, daini, cinghiali, lepri, donnole, faine, puzzole, tassi, volpi, toporagni, istrici, e pipistrelli orecchioni, sono presenti anche molte specie di uccelli nidificanti come il picchio verde, il martin pescatore, la poiana, l'albanella e l'airone cenerino che si può incontrare lungo il torrente Bagnolo.

Nel mese di dicembre 2021, alcune fototrappole poste all'interno dell'area protetta sono riuscite a catturare immagini di un esemplare di sciacallo dorato: si tratta del primo avvistamento dell'animale in Toscana.

Flora modifica


Note modifica

  1. ^ Fonte: Provincia di Prato.
  2. ^ Fonte: Provincia di Prato Archiviato il 20 luglio 2007 in Internet Archive.. URL consultato il 2 marzo 2010


Voci correlate modifica

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica