Apri il menu principale

Monumento alla fondazione del Partito

Coordinate: 39°01′40″N 125°46′35″E / 39.027778°N 125.776389°E39.027778; 125.776389

Una foto del monumento.

Il Monumento alla fondazione del Partito (in chosŏngŭl: 당창건기념탑?, Tangch'anggŏnkinyŏmt'apLR) è un'opera situata a Pyongyang, capitale della Corea del Nord, realizzata nel 1995 in occasione del 50° anniversario della fondazione del Partito del Lavoro di Corea. Il monumento, alto 50 metri, rappresenta i simboli del Partito, ovvero la falce (contadini), il martello (operai) e il pennello (intellettuali).

StoriaModifica

Il monumento, progettato dallo Studio artistico Mansudae,[1] fu completato il 10 ottobre del 1995 in occasione del 50º anniversario della fondazione del Partito del Lavoro.[2] Un monumento precedente dedicato alla fondazione è stato eretto il 10 ottobre del 1975 sul terreno del Museo della Fondazione del Partito.[3]

Il monumento è apparso sui francobolli emessi nel 1995 e nel 2005[4] e sulla banconota da 50 won.[5]

DescrizioneModifica

Il monumento è situato sulla Munsu Street del Taedonggang-guyok di Pyongyang,[6] sulla sponda del fiume Taedong opposta a quella dove sono presenti il Grande monumento Mansudae[2] e il Museo rivoluzionario coreano, entrambi simmetricamente allineati con il Monumento alla fondazione del Partito.[7] Questo asse che attraversa il centro della capitale simboleggia la dinastia di Kim Il-sung e Kim Jong-il.[8]

 
Gli elementi ispirati sull'emblema del Partito del Lavoro di Corea indicano l'operaio, il contadino e l'intellettuale.

Il sito del monumento occupa nella sua interezza 25 000 m2[9] considerando una piazza davanti all'opera dove vengono organizzate danze e feste.[10] Il tappeto erboso del parco che circonda il monumento si estende per circa 15 000 m2 e comprende 12 fontane e più di 53 000 alberi.[11]

Ai lati del monumento sono presenti degli edifici residenziali simmetrici a forma di bandiere rosse[12] sui quali sono presenti delle lettere che formano la frase: "sempre-vittorioso".[13]

Il monumento in sé è realizzato in granito con rilievi in bronzo.[14]

I tre elementi più alti rappresentano tre pugni serrati che reggono un martello, una falce ed un pennello:[2] la falce e martello tipici della simbologia comunista rappresentano i contadini e gli operai mentre il pennello gli intellettuali,[15] riprendendo l'emblema del Partito del Lavoro.[16] Il monumento raggiunge un'altezza di 50 m per indicare il 50º anniversario del Partito.[17]

Lo stile architettonico assomiglia ad altre strutture in calcestruzzo presenti nella città, come il Palaghiaccio di Pyongyang o il Ryugyong Hotel.[18]

FasciaModifica

I tre pugni sono circondati da una fascia che simboleggia "l'unità da un singolo sentimento del leader, del Partito e del popolo". L'iscrizione sulla fascia più esterna recita: "Gli organizzatori della vittoria del popolo coreano e il leader del Partito del Lavoro di Corea!" (조선인민의 모든 승리의 조직자이며 향도자인 조선로동당 만세!?, Chosŏninminŭi modŭn sŭngniŭi chojikchaimyŏ hyangdojain chosŏllodongdang manse!LR). Il diametro della fascia è di 50m all'esterno e di 42 all'interno,[9] ed è costituita da 216 blocchi che assieme al diametro interno simboleggiano la data del 16 febbraio 1942, ovvero il presunto giorno in cui nacque Kim Jong-il.[19] In realtà, il leader nordcoreano nacque il 16 febbraio 1941 in Unione Sovietica.[20]

La fondazione circolari sotto il monumento è di 70 m di diametro e simboleggia i circa 70 anni di storia del partito dai tempi dell'Unione contro l'imperialismo. All'interno della fascia sono presenti tre bassorilievi che raccontano la storia del partito.[9]

Questo bassorilievo rappresenta "le gloriose tradizioni rivoluzionarie del Partito del Lavoro di Corea":[21] la lotta armata contro l'imperialismo giapponese e la fondazione della Società per i compagni radunanti, dell'Associazione per la restaurazione della Patria e dell'Unione contro l'Imperialismo.[22]
Questo bassorilievo rappresenta invece "l'armonia del leader, del Partito e delle masse":[21] il veterano che passa la torcia della Juche alla generazione più giovane,[23] ed un operaio, un contadino, un intellettuale, un soldato ed uno studente uniti dalla bandiera del Partito.[24]
Quest'ultimo bassorilievo rappresenta "lo sforzo per realizzare un'indipendenza globale":[25] il desiderio di una riunificazione coreana e l'avanzata della costruzione socialista sotto la torcia della Juche. L'inscrizione sulla mappa del mondo recita: "Lasciateci difendere l'indipendenza!"[26]

NoteModifica

  1. ^ Caroline Winter, Mansudae Art Studio, North Korea's Colossal Monument Factory, su Businessweek.com, 6 giugno 2013. URL consultato l'8 dicembre 2015.
  2. ^ a b c Corfield, p. 142.
  3. ^ Corfield, p. 160.
  4. ^ Corfield, p. 143.
  5. ^ 2013 Standard Catalog of World Paper Money – Modern Issues: 1961–Present, 18ª ed., Krause Publications, 17 febbraio 2012, p. 748, ISBN 1-4402-2956-2.
  6. ^ (EN) Monument to Party Founding, su www.koreakonsult.com.
  7. ^ Willoughby, p. 132.
  8. ^ Dancing for the Eternal President di Keith Howard in Annie J. Randall, Music, Power, and Politics, Routledge, 2004, p. 117, ISBN 9781135946913.
  9. ^ a b c Korea Pictorial, p. 2.
  10. ^ Willoughby, p. 134.
  11. ^ Han Pŏn-jo, Pyongyang: a park city, Korea Pictorial, 2002, p. 26, OCLC 867776819.
  12. ^ (EN) 30 Best Panoramas of North Korea, su reubenteo.com, 26 aprile 2015.
  13. ^ Monument to Party Founding, 6:15–6:30.
  14. ^ James Hoare, North Korea in the 21st century: an interpretive guide, Global Oriental, 2005, ISBN 1901903915.
  15. ^ Corfield, pp. 142-143.
  16. ^ (EN) Architecture for Immortality of Leader, su North Korean Economy Watch, 21 maggio 2007.
  17. ^ James Hoare, Historical dictionary of the Democratic People's Republic of Korea, Scarecrow Press, 2012, ISBN 9780810861510.
  18. ^ Willoughby, p. 115.
  19. ^ Monument to Party Founding (DVD), 2:40–2:55.
  20. ^ (EN) Profile: Kim Jong-il, su BBC News, 16 gennaio 2009.
  21. ^ a b Korea Pictorial, p. 5.
  22. ^ Monument to Party Founding, 3:55–4:50.
  23. ^   North Korea Vagabond, Guide Explains Pyongyang Monument to the Korean Workers Party, Part 2, su YouTube, 1º Ottobre 2013, a 1 min 5 s.
  24. ^ Monument to Party Founding, 4:50–5:30.
  25. ^ Korea Pictorial, p. 6.
  26. ^ Monument to Party Founding, 5:30–6:00.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

  Portale Corea del Nord: accedi alle voci di Wikipedia che parlano della Corea del Nord