Apri il menu principale

Ennio Morlotti

pittore italiano
(Reindirizzamento da Morlotti)

BiografiaModifica

Nel 1917 entra nel collegio Paolo Angelo Ballerini di Seregno, dove rimarrà fino al 1922. Dal 1923, per mantenersi, concilia lavoro e apprendistato artistico: dapprima lavora come contabile presso un oleificio, in seguito sarà impiegato in un colorificio e poi in una fabbrica meccanica. Nel frattempo, studia arte antica nelle chiese e nei musei, iniziando a interessarsi all'arte contemporanea.

Nel 1936, dopo aver conseguito la maturità artistica da privatista presso l'Accademia di Brera, lascia il lavoro e si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Firenze sotto la guida di Felice Carena. Studia Masaccio, Giotto e Piero Della Francesca: ma, rendendosi conto che le sue radici pittoriche lombarde sarebbero state deviate verso la pittura toscana, abbandona presto Firenze.

Nel 1937 soggiorna per un breve periodo a Parigi, dove entra in contatto con i grandi protagonisti dell'arte Europea, da Cézanne al Fauvismo e all'Espressionismo di Soutine e di Rouault. Alle Expositions universelles de Paris conosce l'opera di Picasso, Guernica, rimanendone fortemente impressionato.

Al suo ritorno in Italia si trasferisce a Milano e s'iscrive all'Accademia di Belle Arti di Brera.
Di quegli anni sono le prime opere. Nel 1939 entra a far parte del gruppo dei pittori di Corrente con Ernesto Treccani, Renato Guttuso, Renato Birolli e Bruno Cassinari, rivelandosi ben presto il più estremista del gruppo.

Dopo un secondo soggiorno a Parigi nel 1947, partecipa al Fronte nuovo delle arti, e, dopo la scissione, aderisce con Birolli e Cassinari al Gruppo degli Otto di Lionello Venturi. Nel 1955 vince un premio acquisto alla terza edizione del Premio Spoleto.

I soggetti più visitati dall'artista sono i paesaggi, le nature morte e gli studi di figura.

Negli anni Sessanta molte delle sue tele hanno come soggetto gli ulivi e i cactus, a seguito di un suo lungo soggiorno nella città di Bordighera. Nel 1962 presenterà le sue tele alla Biennale di Venezia, dove sarà premiato ex aequo con Giuseppe Capogrossi[1]

Nel 1963-64 espone alla mostra Peintures italiennes d'aujourd'hui, organizzata in medio oriente e in nordafrica[2].

NoteModifica

  1. ^ [1]
  2. ^ Peintures italiennes d'aujourd'hui, su www.quadriennalediroma.org. URL consultato il 28 febbraio 2016.

Ennio Morlotti nei museiModifica

BibliografiaModifica

  • Roberto Pasini, L'informale. Stati Uniti Europa Italia, Bologna, CLUEB, 2003, parte terza, cap. quarto, pp. 331–338
  • Morlotti : pastelli e disegni 1954-1978, Bordighera, Comune di Bordighera, 1978.
  • Flavio Caroli, Storia di artisti e di bastardi, Uter, 2017, p. 23-25, ISBN 978-88-511-4400-5.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN27146838 · ISNI (EN0000 0000 8105 7770 · SBN IT\ICCU\CFIV\011888 · LCCN (ENn50006140 · GND (DE119142112 · BNF (FRcb12378725m (data) · ULAN (EN500012193 · BAV ADV10987247 · WorldCat Identities (ENn50-006140