Apri il menu principale

Mud Slide Slim and the Blue Horizon

album di James Taylor del 1971
Mud Slide Slim and the Blue Horizon
ArtistaJames Taylor
Tipo albumStudio
Pubblicazionemarzo 1971
pubblicato negli Stati Uniti
Durata35:38
Dischi1
Tracce13
GenereFolk
Folk rock
EtichettaWarner Bros. Records (BS 2561)
ProduttorePeter Asher[1]
RegistrazioneHollywood al Crystal Recording Studios, tra il 3 gennaio ed il 28 febbraio 1971
FormatiLP
James Taylor - cronologia
Album successivo
(1972)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
AllMusic 4/5 stelle[2]
Robert Christgau C+[3]
The New Rolling Stone Album Guide 3.5/5 stelle[4]
Sputnikmusic 3.5 (Great)[5]
Dizionario del Pop-Rock 5/5 stelle[6]
24.000 dischi 4/5 stelle[7]

Mud Slide Slim and the Blue Horizon è il quarto album di James Taylor, pubblicato dalla Warner Bros. Records nel marzo del 1971[8].

TracceModifica

Brani composti da James Taylor, eccetto dove indicato.

Lato A
  1. Love Has Brought Me Around – 2:41
  2. You've Got a Friend – 2:49 (Carole King)
  3. Places in My Past – 2:01
  4. Riding on a Railroad – 2:41
  5. Soldiers – 1:13
  6. Mud Slide Slim – 5:20
Lato B
  1. Hey Mister, That's Me Up on the Jukebox – 3:46
  2. You Can Close Your Eyes – 2:31
  3. Machine Gun Kelly – 2:37 (Danny Kortchmar)
  4. Long Ago and Far Away – 2:31
  5. Le Me Ride – 2:42
  6. Highway Song – 3:51
  7. Isn't It Nice to Be Home Again – 0:55

[1]

FormazioneModifica

Note aggiuntive

  • Peter Asher - produttore (per la Marylebone Productions)
  • Registrazioni (e mixaggi) effettuati al Crystal Recording Studios di Hollywood (California) tra il 3 gennaio ed il 28 febbraio 1971
  • Richard Sanford Orshoff - ingegnere delle registrazioni
  • Ethan Russell - fotografia copertina album
  • Laurie Miller - liner art
  • Ed Thrasher - grafica[9]

NoteModifica

  1. ^ a b (EN) Mud Slide Slim and the Blue Horizon, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 18 novembre 2014.
  2. ^ (EN) William Ruhlmann, Mud Slide Slim and the Blue Horizon, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 18 novembre 2016.
  3. ^ [1]
  4. ^ da The New Rolling Stone Album Guide di Nathan Brackett with David Hoard, pagina 804
  5. ^ [2]
  6. ^ da Dizionario del Pop-Rock di Enzo Gentile & Alberto Tonti, Ed. Baldini & Castoldi, pagina 971
  7. ^ da 24.000 dischi di Riccardo Bertoncelli e Chris Thellung, Zelig Editore, pagina 981
  8. ^ (EN) Mud Slide Slim and the Blue Horizon by James Taylor, su rateyourmusic.com. URL consultato il 18 novembre 2014.
  9. ^ Note di copertina di Mud Slide Slim and the Blue Horizon, James Taylor, Audio Fidelity, AFZ 128, 2012.

Collegamenti esterniModifica