Apri il menu principale
Musée de la Monnaie de Paris
Monnaie de Paris.jpg
Ingresso dell'Hôtel des Monnaies
Ubicazione
StatoFrancia Francia
LocalitàParigi
Indirizzo11, quai de Conti
Caratteristiche
TipoNumismatica
Apertura1991
Sito web

Coordinate: 48°51′24″N 2°20′21″E / 48.856667°N 2.339167°E48.856667; 2.339167

Il Musée de la Monnaie de Paris (museo della zecca di Parigi) è collegato all'istituzione nazionale francese, che fabbrica monete: La Monnaie de Paris. Oltre alle collezioni numismatiche accessibile al pubblico, possiede fondi d'archivio della zecca a partire dal XV secolo. Questi fondi sono costruiti da 13.020 volumi a stampa, 98.400 pubblicazioni, 1.454 volumi manoscritti, 18.227 dossier. Si trova presso l'Hôtel des Monnaies a Parigi, sul quai de Conti. Creato nel 1833 da Jean-Baptiste Henry Collin de Sussy, il museo è stato inaugurato da Luigi Filippo di Francia, l'8 novembre 1833.[1]

Inaugurato nella sua forma attuale nel 1991, è stato disegnato da Katherine Gruel, per la parte antica, da Jean Belaubre per il Medioevo e Bruno Collin per le parti moderna e contemporanea. Tutti e tre hanno firmato molti volumi di catalogo delle collezioni del museo, che ha chiuso le sue porte nel luglio 2010, per lavori.

Medaglia di Luigi Filippo

Indice

StoriaModifica

Il servizio storico della zecca di Parigi è stato istituito 5 dicembre 1984, da Jean-Marie Darnis, fondatore del servizio e responsabile degli archivi e della biblioteca. La schedatura dei fondi d'archivio e dei testi stampati è stata effettuata da J. M. Darnis e pubblicata dalla la Monnaie de Paris nel 1996 (1° vol.), 1999 (2° vol.) e nel 2005 (3° vol.). A tal fine, si deve anche ricordare, che causa del pensionamento e della non sostituzione dell'incarico, dal 3 giugno 2008, tutti questi fondi sono stati versati a CAEF (Centre des Archives du ministère des Finances) a Savigny-le-Temple, 77176, 9, rue de l'Aluminium.


NoteModifica

  1. ^ Jean-Paul Barbier Collin de Sussy, Horizons d'Argonne (n°84) 2007

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica