Museo Casa del Terrore

Il Museo Casa del terrore (in ungherese: Terror Háza) è situato a Budapest, sul viale Andrássy. Il museo si trova in un edificio costruito nel 1880, che venne usato come quartier generale della polizia politica sia nazista sia comunista.

Casa del terrore
Budapest-Terror Museum.jpg
Veduta generale dell'edificio che ospita il museo
Ubicazione
StatoUngheria Ungheria
LocalitàBudapest
IndirizzoAndrássy Út, 60
Coordinate47°30′24.6″N 19°03′54.5″E / 47.506833°N 19.065139°E47.506833; 19.065139
Caratteristiche
Tipostorico
Istituzione24 febbraio 2002
Apertura24 febbraio 2002
DirettoreMária Schmidt
Sito web
Carro armato T-55 con foto delle vittime del regime comunista ungherese

Contiene mostre relative al regime nazista e comunista nell'Ungheria del XX secolo ed è anche un memoriale per le vittime di questi regimi, compresi quelli detenuti, interrogati, torturati o uccisi nell'edificio. Il museo è stato aperto il 24 febbraio 2002 e il direttore generale del museo è da allora Mária Schmidt.

Il museo testimonia i tragici effetti dei regimi che oppressero l'Ungheria durante e dopo la Seconda guerra mondiale: musiche e luci nelle varie sale ricreano l'atmosfera angosciosa della vita durante questo periodo e sotto entrambe le dittature comuniste e naziste.

La Casa del Terrore ha diversi punti focali, fra i più importanti ricordiamo:

  • Il carro armato sovietico presente nel cortile;
  • La ricostruzione della prigione e delle celle di tortura nel seminterrato;
  • La grande parete con le fotografie di alcune vittime.

Il museo è stato ultimato nel 2002 in seguito al restauro della vecchia "Casa della lealtà" che fu il quartier generale dei nazisti prima e dei comunisti poi. La sua realizzazione fu voluta dal Primo ministro ungherese Viktor Orbán.

BibliografiaModifica

  • Barbara Olszańska; Tadeusz Olszański, Michele Tavecchio Le guide Mondadori - Budapest. Mondadori, Milano, 2011. ISBN 9788837077556

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN122126499 · ISNI (EN0000 0001 1008 7961 · LCCN (ENn2003022754 · GND (DE10201000-6 · J9U (ENHE987007299697405171 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003022754