Apri il menu principale

Museo dell'Opera Pia Purgatorio ad Arco

museo italiano
Museo dell'Opera Pia Purgatorio ad Arco
Ipogeo Purgatorio ad Arco.jpg
L'ipogeo
Ubicazione
StatoItalia Italia
LocalitàNapoli
IndirizzoVia dei Tribunali, 39
Caratteristiche
TipoArcheologico, storico, artistico
FondatoriNicola Spinosa
Sito web

Coordinate: 40°51′02.95″N 14°15′20.34″E / 40.85082°N 14.25565°E40.85082; 14.25565

Il Museo dell'Opera Pia Purgatorio ad Arco è un museo di Napoli situato all'interno della chiesa di Santa Maria delle Anime del Purgatorio ad Arco.

Il museo espone per lo più oggetti liturgici, databili dal XVI al XIX secolo. Inoltre sono visibili anche paramenti, calici, libri, suppellettili delle celebrazioni ed alcune tele del Seicento napoletano. Fanno parte del museo dell'Opera anche gli spazi sottostanti la chiesa

DescrizioneModifica

Il museo è allestito negli ambienti interni della chiesa, più precisamente nella sacrestia e nell'ortatorio dell'Immacolata. Il piccolo museo fu realizzato sotto la volontà del professor Nicola Spinosa, sopraintendente per il polo museale di Napoli, con l'intento di dare una migliore collocazione agli oggetti esposti, fino a quel tempo conservati all'interno degli armadi della sacrestia.

ChiesaModifica

Nella sacrestia presenti arredi mobiliari della prima metà dell'Ottocento, eseguiti da Michele Guggenberger su disegno di Michelangelo del Gaiso. Gli argenti ivi esposti sono invece databili dal Seicento all'Ottocento e sono per lo più calici, una croce d'altare, una pisside, turiboli, lampade ed ostensori.

Sia nella sacrestia che nell'oratorio sono altresì esposti alcuni dipinti del Seicento e Settecento, come una copia del dipinto di Luis de Morales raffigurante la Madonna della Purità, oggi conservato presso gli ambienti interni della basilica di San Paolo Maggiore di Napoli. Altri dipinti presenti sono un Sant'Aniello che scaccia i Saraceni da Napoli, attribuita a Fabrizio Santafede, un San Sebastiano, probabilmente di Giacomo Farelli, un' Assunta di Paolo De Matteis, un San Gennaro in gloria di Alessio D'Elia ed una Immacolata autografa e datata 1748 di Michelangelo Buonocore (allievo del De Matteis).

IpogeoModifica

Sulla sinistra del portale della chiesa, da una botola si accede ad un ambiente sotterraneo delle stesse dimensioni della chiesa costituente un luogo di culto anteriore alla chiesa delle Anime del Purgatorio. Il pavimento è stato realizzato dai fratelli Giuseppe e Donato Massa mentre l'altare in piperno risale al XVIII secolo. A sinistra vi è un corridoio decorato con teschi che dà accesso alla tomba di Giulio Mastrilli. Questo secondo ambiente sotterraneo fungeva da ipogeo, con teschi e spazi destinati alla sepoltura di corpi umani. Uno di questi teschi richiama il ricordo dell'anima di Lucia, morta in un naufragio insieme al suo sposo: a questa figura viene richiesta grazie e intercessioni e vengono offerti fiori e foto dei familiari come ex voto.

BibliografiaModifica

  • A.V., Il Purgatorio ad Arco - La chiesa l'ipogeo il museo, Altrestampa

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica