Nada (Carmen Laforet)

romanzo scritto da Carmen Laforet
Nada
Titolo originaleNada
Altri titoliVoragine [1]
AutoreCarmen Laforet
1ª ed. originale1944
1ª ed. italiana1948[1]
Genereromanzo
Lingua originalespagnolo
AmbientazioneBarcellona

Nada è il romanzo con cui la scrittrice spagnola Carmen Laforet esordì, appena ventitreenne, nel 1945[2]. Esso vede l'intrecciarsi di piani narrativi, esistenziali e politici, e come altri suoi romanzi le vicende narrate riflettono le esperienze vissute dalla scrittrice, raccontate in uno stile crudo e diretto in cui i particolari scabrosi e violenti vengono enfatizzati[3]. Le atmosfere di brutalità sessuale, di crudeltà familiare e di orrore esasperato – séguito ideale della mostruosità della guerra civile – sono raccontati in prima persona con linguaggio scarno e freddo, rendendo la voce della Laforet moderna e innovativa[4].

Nel 1947 il romanzo è stato trasposto in un film diretto da Edgar Neville[5].

La tramaModifica

La diciottenne Andrea, proveniente da un villaggio di provincia dopo essere rimasta orfana, giunge a Barcellona per frequentare l'Università, appoggiandosi ai parenti della madre. Memore delle luminose e sofisticate atmosfere infantili della casa barcellonese in cui vivevano i nonni materni, dopo tanti anni di lontananza ritrova la casa di famiglia profondamente cambiata, con i loro abitanti ridotti in povertà dalle distruzione della Guerra Civile, e l'appartamento di Calle de Aribau, un tempo smagliante, ridotto a un sordido ricettacolo di polvere, sporcizia e ragnatele che ricoprono i segni dell'antica bellezza. La vecchia nonna e gli zii hanno subìto una inquietante trasformazione: chi, spia franchista, è stato imprigionato e torturato dai repubblicani; chi trascorre il tempo a picchiare la moglie, reputata una prostituta; chi, cinica e tagliente come un inquisitore della Controriforma, si incarica di ridurre Andrea all'obbedienza[2], mentre nella famiglia si intrecciano oscure relazioni adulterine[6]. Al di fuori della miseria e della fame della casa di Calle de Aribau, le esperienze universitarie e le amicizie fanno dolorosamente emergere le differenze sociali e nei comportamenti fra Andrea e i suoi coetanei. Le vicende si dipanano in una Barcellona degradata da una forma punitiva di Cattolicesimo e dalle diseguaglianze prodotte dalla dittatura franchista[2].

Fortuna criticaModifica

Nada ricevette lusinghieri riconoscimenti da parte degli scrittori spagnoli Azorín e di Juan Ramón Jiménez [7], e il manoscritto vinse il premio Nadal nel 1944[4]. Assieme a La familia de Pascual Duarte, del conterraneo Camilo José Cela, Nada è considerato un romanzo che ha contribuito a rinnovare la letteratura spagnola[4]. Il lavoro di Carmen Laforet è considerato uno fra i 100 migliori romanzi spagnoli del Novecento, secondo una classifica compilata dal giornale El Mundo[8].

NoteModifica

  1. ^ a b Catalogo SBN, su sbn.it. URL consultato il 20-03-2012.
  2. ^ a b c (EN) Fernanda Eberstadt, Carme LaForet’s ‘Nada’: A young woman’s take on a sordid world, su nytimes.com, New York Times. URL consultato il 25 agosto 2013.
  3. ^ (EN) Carmen Laforet, su britannica.com, enciclopædia Britannica . URL consultato il 26 agosto 2013.
  4. ^ a b c (EN) Carmen Laforet, su theguardian.com, The Guardian. URL consultato il 25 agosto 2013.
  5. ^ (EN) Voragine, su imdb.com, IMDb. URL consultato il 26 agosto 2013.
  6. ^ (EN) Ellen Smith, Amongst Women, Amongst Greatness, su latinolife.co.uk, archive.is . URL consultato il 26 agosto 2013 (archiviato dall'url originale il 22 aprile 2013).
  7. ^ (ES) Muere en Madrid la escritora Carmen Laforet, su cultura.elpais.com, El Pais. URL consultato il 26 agosto 2013.
  8. ^ (ES) Lista completa de las 100 mejores novelas en castellano del siglo XX, su elmundo.es, El Mundo. URL consultato il 26 agosto 2013.
Controllo di autoritàBNE (ESXX2043943 (data)
  Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura