Apri il menu principale
Noscapina
Narkotin - Narcotine.svg
Nome IUPAC
(3S)- 6,7-Dimetossi-3-[(5R)-5,6,7,8-tetraidro- 4-metossi- 6-metil- 1,3-diossolo (4,5-g)isochinolin-5-il]- 1(3H)-isobenzofuranone
Nomi alternativi
Narcotina
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolareC22H23NO7
Massa molecolare (u)413.421 g/mol
Numero CAS128-62-1
Numero EINECS204-899-2
PubChem4544
SMILES
CN1CCC2=CC3=C(C(=C2C1C4C5=C(C(=C(C=C5)OC)OC)C(=O)O4)OC)OCO3
Proprietà chimico-fisiche
Potere rotatorio specifico+46°
Costante di dissociazione acida (pKa) a 293 K6,2
Solubilità in acquascarsa (base libera)
Temperatura di fusione177 °C
Dati farmacologici
Categoria farmacoterapeuticaAntitussivo
Modalità di
somministrazione
rettale, orale
Dati farmacocinetici
Biodisponibilità30%
Metabolismoepatico
Emivita2,6 ore
Escrezioneurinaria
Indicazioni di sicurezza

La noscapina è un alcaloide contenuto nel lattice del Papaver somniferum, è usata in medicina come antitussivo. In Italia fino al 2003 era in commercio un preparato a base di noscapina e guaiacolo (Tuscalman), che conteneva noscapina. Per la prima volta negli anni '90 è stata dimostrata una promettente attività antitumorale della noscapina.

Indice

StoriaModifica

La Noscapina fu isolata e caratterizzata nel 1817 dal chimico francese Pierre Robiquet che la chiamò Narcotine [1].

FarmacocineticaModifica

La noscapina dopo somministrazione intravenosa presenta emivita di 2,6 ore, la clearance plasmatica è di 22 ml/min/kg. Ha volume di distribuzione apparente di 4,7 l/kg. Dopo assunzione orale ha mostrato biodisponibilità del 30% circa. Viene escreta dai reni e metabolizzata nel fegato [2]

Meccanismo d'azioneModifica

La noscapina è un antitussivo centrale con scarsa attività narcotica. L'effetto antitussivo sembra mediato dalla sua capacità di agire quale agonista dei recettori sigma (σ). Tale attività farmacodinamica è stata evidenziata nei ratti, in cui un pretrattamento delle cavie con rimcazolo, un antagonista specifico dei recettori sigma, riduce l'attività antitussiva della noscapina.[3]

Attività antitumoraleModifica

Diversi studi, condotti anche in vivo, hanno dimostrato l'efficacia antitumorale della noscapina nei confronti di diversi tipi di carcinomi. Sembra che la noscapina leghi la tubulina alterandone la conformazione impedendo in tal modo l'assemblaggio dei microtubuli nella cellula bloccandone la duplicazione e favorendo in qualche modo l'apoptosi [4].

Inoltre è stato dimostrato come la noscapine non competa con paclitaxel per il legame con la tubulina evidenziandone diverso sito di legame, e come sia capace di inibire la crescita in vitro di cellule ovariche umane sia sensibili che resistenti al paclitaxel.[5]

Il meccanismo con il quale la noscapina induce apoptosi sembra essere legato all'attivazione della c-Jun-NH2 chinasi(JNK) come dimostrato da esperimenti con oligonucleotidi antisenso contro JNK [5].

Fonti naturaliModifica

La noscapina è contenuta in basse concentrazioni nel Papaver somniferum naturale, ma un gruppo di ricerca guidato dal Dr Philip Larkin della Divisione di Plant Industry del CSIRO in Australia ha ottenuto una varietà di papavero che produce elevate quantità di alcaloidi isochinolinici come la noscapina. Questo particolare clone del papavero da oppio viene riprodotto e coltivato nelle piantagioni legali della Tasmania.

NoteModifica

  1. ^ Observations sur le mémoire de M. Sertuerner relatif à l'analyse de l'opium, Robiquet, Annales de Chimie et de Physique , volume 5 (1817), p275–278
  2. ^ European Journal of Clinical Pharmacology, 1982, Volume 22, Issue 6, pp 535-539 Pharmakokinetic properties of noscapine B. Dahlström, T. Mellstrand, C. -G. Löfdahl, M. Johansson
  3. ^ Kamei J, Role of opioidergic and serotonergic mechanisms in cough and antitussives, in Pulmonary pharmacology, vol. 9, 5–6, 1996, pp. 349–356, DOI:10.1006/pulp.1996.0046, PMID 9232674.
  4. ^ https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC19111/ Keqiang Ye, Yong Ke, Nagalakshmi Keshava, John Shanks, Judith A. Kapp, Rajeshwar R. Tekmal, John Petros, and Harish C. Joshi, Opium alkaloid noscapine is an antitumor agent that arrests metaphase and induces apoptosis in dividing cells, in PNAS, vol. 95, nº 4, 1998, pp. 1601-1606, DOI:10.1073/pnas.95.4.1601, PMID.
  5. ^ a b Paclitaxel-resistant Human Ovarian Cancer Cells Undergo c-Jun NH2-terminal Kinase-mediated Apoptosis in Response to Noscapine; Jun Zhou, Kamlesh Gupta, Joyce Yao, Keqiang Ye, Dulal Panda, Paraskevi Giannakakou and Harish C. Joshi

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica