Apri il menu principale

Nardo (Leonardo) di Cione (Firenze, ... – 1366) è stato un pittore e architetto italiano, fratello dell'Orcagna(ovvero Andrea di Cione) e di Jacopo e Matteo di Cione, pure artisti.

BiografiaModifica

Il suo nome completo era Leonardo, e non come già ipotizzato Bernardo, come risulta dal suo testamento, datato 1365. Suo padre era forse un orafo, che avviò lui e i fratelli alle attività artistiche. Sebbene le premesse furono comuni a tutti gli artisti, col tempo essi presero strade diverse. Nardo è considerato quello più "espressionista", maggiormente legato cioè alla resa degli stati d'animo e delle emozioni dei personaggi.

La sua opera fondamentale sono gli affreschi, dipinti insieme a Giovanni Del Biondo, del Giudizio Universale, Inferno e Paradiso nella Cappella Strozzi in Santa Maria Novella, del 1351-1357. Il suo stile è fortemente influenzato da Giotto anche se non ne conserva la spazialità e il realismo e si esprime con un linguaggio autonomo quasi più arcaico, nonostante che l'opera di Nardo sia posteriore a di Giotto. Resti di affreschi a lui attribuiti si trovano anche nella Badia Fiorentina.

Tra le opere su tavola Cristo crocifisso con i dolenti e santi (1350 circa) agli Uffizi o il Trittico del Thronum Gratiae (1365) alla Galleria dell'Accademia.

Un successore a lui è il fiorentino Niccolo di Tommaso.

BibliografiaModifica

  • Hans Dietrich Gronau, Andrea Orcagna und Nardo di Cione. Eine stilgeschichtliche Untersuchung, Berlin, Deutscher Kunstverlag, 1937.
  • Richard Offner, A critical and historical corpus of Florentine painting, IV/2, Tendencies of Gothic in Florence.Nardo di Cione, New York University, New York1960.
  • Angelo Tartuferi (a cura di), Dal Duecento agli Orcagna. Il restauro della Madonna col Bambino di ignoto fiorentino del Duecento e del trittico di Santa Maria degli Angeli di Nardo di Cione, Sillabe, Livorno 2001.
  • Daniela Parenti, NARDO di Cione, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 77, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 2012. URL consultato il 26 luglio 2016.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN195691167 · ISNI (EN0000 0000 2532 8409 · LCCN (ENn85251504 · GND (DE121753220 · ULAN (EN500022998 · CERL cnp00566344 · WorldCat Identities (ENn85-251504