Nauru Pacific Line

Nauru Pacific Line
Logo
StatoNauru Nauru
Forma societariaAzienda pubblica
Fondazione1970 a Yaren
Fondata dagoverno nauruano
Chiusura1992
Sede principaleYaren
SettoreTrasporto navale
ProdottiCrociere, movimento merci

La Nauru Pacific Line era la compagnia di navigazione nazionale dell'isola-stato di Nauru[1].

StoriaModifica

 
La nave Enna G, della Nauru Pacific Line nel porto di Pohnpei (Micronesia) nel 1977.

La Nauru Pacific Line fu fondata nel 1970, poco dopo l'indipendenza dell'isola, ottenuta nel 1968. L'economia dello stato era a quel tempo florida, con uno dei PIL pro capite più alti al mondo, grazie all'estrazione del fosfato. La flotta della compagnia era di cinque navi, che svolgevano un servizio di trasporto passeggeri e merci principalmente da e per l'Australia, che era per Nauru la fonte di approvvigionamento principale per generi di prima necessità, ma anche per altre località dell'Oceania, ivi compresa la Nuova Zelanda[2].

Tuttavia la compagnia, sovradimensionata per le necessità dello stato, operò sempre in costante perdita, sopravvivendo solo grazie alle sovvenzioni dello stato nauruano. Quando le riserve di fosfato iniziarono ad esaurirsi, lo stato non poté più finanziare la compagnia, che entrò ben presto in stato di insolvenza. Ciò, unito alla feroce concorrenza di altre compagnie, costrinse la Nauru Pacific Line a vendere tutta la flotta e cessare le attività nel 1992[3].

In seguito, Nauru appaltò i servizi di collegamento navale ad una società australiana[2].

NoteModifica

  1. ^ (EN) Department of Earth and planetary sciences - Transport de Nauru
  2. ^ a b (EN) National Assessment Report Republic of Nauru, 42 p Leggi
  3. ^ Luc Folliet, Nauru, l'île dévastée, Parigi, La Découverte, 2009, pag. 103. ISBN 9782707158161