Nettuno offre doni a Venezia

dipinto di Giovanni Battista Tiepolo
Nettuno offre doni a Venezia
Giambattista Tiepolo - Venezia riceve l'omaggio di Nettuno - 1745-50.jpg
AutoreGiambattista Tiepolo
Data1740-43
Tecnicaolio su tela
Dimensioni135×275 cm
UbicazionePalazzo Ducale, Venezia

Nettuno offre doni a Venezia è un dipinto olio su tela di Giambattista Tiepolo, realizzato tra il 1740 e il 1745. Si trova nel Palazzo Ducale di Venezia nella Sala delle Quattro Porte. Grazie a questa posizione il dipinto è tra i più noti dell'artista.

StoriaModifica

La tela, di grandi dimensioni, è autografata dall'artista, e seppur non datata, la sua realizzazione è collocabile tra il 1740 e il 1745.

 
Particolare della giovane donna raffigurante Venezia

Era stata commissionata all'artista, non si conosce esattamente quando, per essere posta come sovrapporta in sostituzione di un dipinto del XVI secolo deteriorato dal tempo per la Sala delle Quattro Porte: sala ricostruita su progetto del Palladio nel 1574 dopo l'incendio che l'aveva distrutta. Essa doveva celebrare e manifestare la ricchezza e la potenza della città a tutto il mondo.[1].

Originariamente inserita sul soffitto, fu poi esposta su cavalletto di fronte alle finestre in modo che il visitatore potesse ammirarne i colori[2].

DescrizioneModifica

Il dipinto raffigura la città di Venezia e Nettuno, il dio delle acque e delle correnti, ed ha una funzione celebrativa.

La città è raffigurata come una giovane donna riccamente vestita con abiti cinquecenteschi; il manto bianco d'ermellino che l'avvolge presenta vistosi risvolti di un intenso arancione. È adornata da ori e gioielli composti da pietre preziose e perle, che vogliono celebrare la ricchezza della Serenissima. Il contrasto di colore riporta a lavori del Piazzetta, che influenzò l'artista fin dai primi anni della sua carriera.[3]. La figura occupa quasi completamente la parte destra della tela. Accovacciato accanto a lei c'è il leone simbolo della città. Venezia poggia il braccio sinistro, nella cui mano trattiene lo scettro del potere, sul capo del mansueto e anziano felino, formando quasi un corpo unico.

Nettuno, che è collocato nella parte sinistra della tela, è raffigurato come un vecchio dai capelli scuri ma con la barba bianca, nell'atto di offrire la cornucopia ricolma di tesori. Il dipinto vuole onorare il mare quale fonte della ricchezza della città lagunare.

NoteModifica

  1. ^ VENEZIA RICEVE DA NETTUNO I DONI DEL MARE, Arte.it. URL consultato il 5 maggio 2019.
  2. ^ Alessia Devitini, Stefano Zuffi e Francesca Castria, Venezia, Electa, ISBN 978-88-370-2149-8.
  3. ^ Gli eseordi del giovane Giambattista Tiepolo, storiarte.altervista. URL consultato il 5 maggio 2019.

BibliografiaModifica

  • Alessia Devitini, Stefano Zuffi e Francesca Castria, Venezia, Electa, ISBN 978-88-370-2149-8.
  • (EN) A.Morassi, ccomplete catalogue of the paintings of G.B. Tiepolo, including pictures by his pupils and followers, 1962, p. 58.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica