Apri il menu principale

Nicolas Fréret

storico e linguista francese

BiografiaModifica

 
Frontespizio di Sciences et arts, 1796.

I suoi primi precettori furono Charles Rollin e padre Nicolas Desmolets. Suo padre era stato procuratore al Parlamento di Parigi e lo fece studiare diritto. A diciannove anni cominciò a studiare la religione greca antica e i culti pagani di Bacco, Cerere, Cibele e Apollo. A ventisei anni fu ammesso all'Académie des inscriptions. Nell'opera Sull'origine dei Franchi (Sur l'origine des Francs, 1714) sostenne che la popolazione francese derivasse da popolazioni germaniche[1], indignando René Aubert de Vertot che lo imprigionò alla Bastiglia per vilipendio alla monarchia. Nel frattempo, studiò Arcade Huang e la lingua cinese, contribuendo a un dizionario, una grammatica e alla lista di 214 radici del dizionario di Kangxi.

Nelle sue memorie trattò di storia, cronologia, geografia, mitologia di tutti i popoli e religioni, distinguendo il mito dal fatto storico e considerando Isaac Newton troppo moderato[non chiaro]. Paul Henri Thiry d'Holbach pubblicò sotto il suo nome diverse opere atee, in particolare Examen critique des apologistes de la religion chrétienne, ma non Lettre de Thrasybule à Leucippe come erroneamente ritenuto da taluni (era già nota trent'anni prima).[2]

OpereModifica

  • Sur l'origine des Francs (1714)
  • Examen critique des apologistes de la religion chrétienne
  • (FR) Nicolas Fréret, Sciences et arts, Dandre, Obre, 1796 (nell'Opera omnia).

NoteModifica

  1. ^ Laurent Avezou, « Gaulois, l’histoire d’un mythe, Métarécit de l’histoire nationaliste française », conférence à la cité des Sciences et de l'Industrie, 31 janvier 2012
  2. ^ Chiara Pietroni D'Holbach: il buon senso dell'ateismo, tesi di laurea premio UAAR, 2007, p. 81.

BibliografiaModifica

  • Chiara Pietroni D'Holbach: il buon senso dell'ateismo, tesi di laurea premio UAAR, 2007, p. 80.
  • (FR) Chantal Grell et Catherine Volpilhac-Auger éd., Nicolas Fréret, légende et vérité, actes du colloque de Clermont-Ferrand (18-19 octobre 1991), Oxford, Voltaire Foundation, 1995, 213 p.
  • Danielle Elisseeff-Poisle, Nicolas Fréret (1688-1749). Réflexions d'un humaniste du XVIIIe siècle sur la Chine (« Mémoires de l'Institut des hautes études chinoises », XI), Paris, PUF, 1978, 251 p.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN34456779 · ISNI (EN0000 0000 8342 7843 · LCCN (ENnr88004281 · GND (DE118703056 · BNF (FRcb119035704 (data) · NLA (EN35103237 · BAV ADV10252556 · CERL cnp01317253 · WorldCat Identities (ENnr88-004281