Nisea

porto della Grecia antica
Nisea
StatoGrecia Grecia
PeriferiaAttica
Unità perifericaAttica Occidentale
ComuneMegara
Coordinate37°58′44″N 23°21′29″E / 37.978889°N 23.358056°E37.978889; 23.358056
Mappa di localizzazione: Grecia
Nisea

Nisea (in greco antico: Νίσαια o Νισαία), insieme a quello di Paghe, era uno dei due porti di Megara, per la precisione quello che dava alla città l'accesso al Golfo Saronico, ad occidente dell'istmo di Corinto.

StoriaModifica

Il porto di Nisea fu conteso da Atene già ai tempi di Pisistrato, che proprio con la temporanea conquista del porto (e della contestuale egemonia su Salamina che, salvo un breve interludio, diventerà definitiva) mise a segno uno dei grandi successi che accrebbero il suo prestigio politico.

Tucidide[1] ci informa delle mura lunghe otto stadi che lo congiungevano a Megara e delle manovre militari ateniesi, condotte da Nicia, che portarono alla sua capitolazione durante la Guerra del Peloponneso.

Megara sicilianaModifica

La città greca di Megara, patria del tiranno Teagene, viene a volte indicata come Megara Nisea, per distinguerla dalla omonima città greco-siciliana di Megara Iblea, sua colonia. Si tratta di un'omonimia che ha spesso generato confusione, come nel caso dell'identificazione della patria del poeta Teognide, incerta già dall'antichità.

NoteModifica

  1. ^ Tucidide, Guerra del Peloponneso, IV, 66 e seguenti.

BibliografiaModifica

Fonti primarie

Altri progettiModifica

  Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia