Apri il menu principale

Nonio Marcello (in latino Nonius Marcellus; Numidia, IV secolo – ...) è stato un grammatico romano.

Grammatico e allievo, formella di Luca della Robbia

BiografiaModifica

Originario della Numidia, «Secondo studi recenti, che si basano soprattutto su indizi di tipo linguistico presenti nella sua opera, Nonio sarebbe stato attivo attorno all’anno 400 o poco dopo»[1].

De compendiosa doctrinaModifica

Nonio è autore di quest'opera grammaticale e lessicale in venti capitoli, che di "libri", come sono intitolati, non hanno, tuttavia, l'estensioneː infatti sono di lunghezza molto variabile: «dalle 336 pagine dell’edizione di Lindsay del IV libro, intitolato De varia significatione sermonum, alle 4 pagine del libro XVIII, De colore vestimentorum, per arrivare alla sola pagina scarsa del XX libro, De propinquitate»[2]. Un esempio è proprio il brevissimo libro XX:

«XX. INCIPIT DE PROPINQVITATE
1 CAESARES dicti qui caesa matre nascuntur. 2 AGRIPPAE, qui cum labore matris eduntur, hoc est per pedes contra naturam, non per caput, quasi ab aegro partu. 3 VOPISCVS, qui ex duobus conceptis uno abortu excluso ad partum legitimum deducitur. 4 GLOS appellatur mariti soror atque item fratris uxor. 5 LEVIR dicitur frater mariti, quasi l<a>evus vir. 6 FRATRIAE appellantur fratrum inter se uxores. 7 AMITINI, fratrum maris et feminae filii. 8 PATRVELES, marium fratrum filii. 9 <CONSOBRINI quasi> consororini, ex duabus editi sororibus. 10 De quibus exempla multa sunt in antiquis auctoribus, et maxime in Afranio et iuris vetustissimis scriptoribus.»

Inoltre, che l'opera fosse dedicata al figlio lo sappiamo dal titolo dei manoscritti (ad filium) e dal fatto che lui stesso la cita.

I capitoli sono raggruppati tematicamenteː quindi I-XII si occupano di fenomeni grammaticali, come quelli morfologici o polisemici; i libri dal XIII al XX presentano, invece, elenchi di vocaboli raggruppati per ambito semantico.

La sua attività di grammatico risulta preziosa soprattutto perché ci ha tramandato frammenti di una quarantina di autori antichi, tra cui molti altrimenti perduti, con un ruolo simile a quello di Aulo Gellio (che egli cita abbondantemente) circa due secoli prima.

NoteModifica

  1. ^ P. Gatti, http://digiliblt.lett.unipmn.it/autore.php?id=AUT000149 Introduzione] a Nonio, De compendiosa doctrina, in dgilibLT.
  2. ^ P. Gatti, Scheda catalografica di Nonio, De compendiosa doctrina, in dgilibLT.

BibliografiaModifica

  • De compendiosa doctrina, ed. Wallace M. Lindsay, Lipsiae, in aedibus B. G. Teubneri, 1903, 3 voll.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN59182520 · ISNI (EN0000 0001 0905 8530 · LCCN (ENn86113590 · GND (DE118786385 · BNF (FRcb119465711 (data) · BAV ADV10136542 · WorldCat Identities (ENn86-113590
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie