Apri il menu principale
Onda libera
PaeseItalia
Anno1976-1977
Generecommedia
Durata63 min
Lingua originaleitaliano
Crediti
ConduttoreRoberto Benigni
RegiaBeppe Recchia
Rete televisivaRete 2

Onda libera (noto anche come Televacca) è stato un programma comico di intrattenimento, andato in onda dal 19 dicembre 1976 al 9 gennaio 1977 su Rete 2 in quattro puntate.[1]

Ideato da Roberto Benigni, Giuseppe Bertolucci, Beppe Recchia, Umberto Simonetta e diretto da Beppe Recchia, il programma è presentato dallo stesso Benigni (Mario Cioni), che si avvale della collaborazione dei due "valletti" Carlo Monni (il vaccaro Monna, che spesso imbraccia una camera a mano) e Donatella Valmaggia (Donatella), ed è ambientato in una stalla di Capalle con vacche, cavalli e pollame.[2][3]

Da questa stalla il contadino Cioni si inserisce nelle frequenze televisive e interferisce nei programmi con i suoi monologhi, che rivoluzionano completamente il modo di fare lo spettacolo leggero di quegli anni.

All'interno della trasmissione si susseguono vari ospiti; tra i tanti vi è il Duo Fasano, che canta Noche de ronda, e Francesco Guccini, che nella prima puntata canta I fichi, canzone che poi verrà inclusa vent'anni dopo (in una versione di studio) nell'album D'amore di morte e di altre sciocchezze.

La direzione musicale e le musiche originali del programma sono di Riccardo Vantellini, che dirige l'Orchestra della RAI.

Gli sketch del personaggio di Marco Messeri, un prete sessuofobo di nome Don Fascione, furono censurati, ovvero registrati come da contratto per tutta la durata del programma e mai mandati in onda.[4]

NoteModifica

  1. ^ Rai Teche, Cronologie TV[collegamento interrotto]
  2. ^ Cinemarte, Roberto Benigni 1977-1997: il programma della retrospettiva Archiviato il 10 ottobre 2007 in Internet Archive.
  3. ^ (EN) IMDb, Onda libera
  4. ^ L'Unità.it - Alberto Crespi, Un tosco-punk chiamato Benigni Escono su dvd le puntate tv di «Onda libera» del 1976 Archiviato il 2 aprile 2015 in Internet Archive. ENRICO MENDUNI, Televisione e società italiana. 1975-2000, Bompiani, 2002, p. 56
  Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione