Ordine di battaglia della battaglia di Ligny

1leftarrow blue.svgVoce principale: battaglia di Ligny.

ARMEE DU NORD

Comandante supremo: Napoleone Bonaparte

Gran Maresciallo di Palazzo: generale Henri Gatien Bertrand
Aiutanti di campo: generali Charles de la Bédoyère, Lebrun, Drouot, Corbineau, de Flahaut, Dejean, Bernard
Ufficiali d'ordinanza: colonnello Gaspard Gourgaud e dodici ufficiali

Capo di stato maggiore (major-general): maresciallo Nicolas Soult
Capo dello stato maggiore generale: generale François Gédéon Bailly de Monthion

Comandante dell'artiglieria: generale Charles-Étienne-François Ruty
Comandante dei genieri: generale Rogniat
Comandante del servizio topografico: colonnello Bonne
Comandante della gendarmeria: generale Radet
Comandante del servizio di sanità: chirurgo in comando Percy

Comandante dell'ala destra dell'armata: maresciallo Emmanuel de Grouchy

Guardia Imperiale

Comandante: generale Antoine Drouot

  • Vecchia Guardia
    • Granatieri (generali Louis Friant e François Roguet)
      • 1º Reggimento granatieri (generale Petit)
      • 2º Reggimento granatieri (generale Christiani)
      • 3º Reggimento granatieri (generale Poret de Morvan)
      • 4º Reggimento granatieri (generale Harlet), solo il I battaglione
    • Cacciatori (generali Charles Antoine Morand e Claude-Étienne Michel)
      • 1º Reggimento cacciatori (generale Pierre Cambronne)
      • 2º Reggimento cacciatori (generale Pelet)
      • 3º Reggimento cacciatori (generale Mallet)
      • 4º Reggimento cacciatori (generale Henrion)
  • Giovane Guardia (generali Guillaume Philibert Duhesme e Pierre Barrois)
    • 1ª Brigata (generale Chartrand)
      • 1º Reggimento Tirailleurs
      • 1º Reggimento Voltigeurs
    • 2ª Brigata (generale Guye)
      • 3º Reggimento Tirailleurs
      • 3º Reggimento Voltigeurs
  • Cavalleria della Guardia (maresciallo Édouard Adolphe Casimir Joseph Mortier, non presente a Ligny)
    • Cavalleria di riserva (generale Claude Étienne Guyot)
      • Granatieri a cavallo (generale Dubois)
      • Dragoni (generale Ornano)
      • Gendarmi scelti (generale d'Autancourt)
  • Artiglieria della Guardia (generale Desvaux de Saint-Maurice)
    • Artiglieria a piedi (generale Lallemand)
      • tredici batterie
    • Artiglieria a cavallo (colonnello Duchand)
      • tre batterie

III Corpo d'armata

Comandante: generale Dominique-Joseph René Vandamme

  • 8ª Divisione (generale Étienne Nicolas Lefol)
    • Brigata Billiard
      • 15º Reggimento leggero
      • 23º Reggimento di linea
    • Brigata Corsin
      • 6º Reggimento di linea
      • 37º Reggimento di linea
  • 10ª Divisione (generale Pierre Joseph Habert)
    • Brigata Gengoult
      • 34º Reggimento di linea
      • 88º Reggimento di linea
    • Brigata Dupeyroux
      • 70º Reggimento di linea
      • 2º Reggimento straniero (svizzero)
  • 11ª Divisione (generale Pierre Berthezène)
    • Brigata Dufour
      • 12º Reggimento di linea
      • 56º Reggimento di linea
    • Brigata Lagarde
      • 33º Reggimento di linea
      • 86º Reggimento di linea
  • 7ª Divisione (generale Jean-Baptiste Girard) distaccata dal II corpo d'armata
    • Brigata de Villiers
      • 11º Reggimento leggero
      • 82º Reggimento di linea
    • Brigata Piat
      • 12º Reggimento leggero
      • 4º Reggimento di linea
  • 3ª Divisione di cavalleria (generale Jean-Simon Domon)
    • Brigata Dommanget
      • 4º Reggimento cacciatori a cavallo
      • 9º Reggimento cacciatori a cavallo
    • Brigata Vinot
      • 12º Reggimento cacciatori a cavallo
      • 6º Reggimento lanceri
  • Artiglieria (generale Doguereau)
    • cinque batterie

IV Corpo d'armata

Comandante: generale Étienne Maurice Gérard

  • 12ª Divisione (generale Marc Nicolas Louis Pécheux)
    • Brigata Rome
      • 30º Reggimento di linea
      • 96º Reggimento di linea
    • Brigata Schoeffer
      • 6º Reggimento leggero
      • 63º Reggimento di linea
  • 13ª Divisione (generale Louis Joseph Vichery)
    • Brigata Le Capitaine
      • 59º Reggimento di linea
      • 76º Reggimento di linea
    • Brigata Desprez
      • 48º Reggimento di linea
      • 69º Reggimento di linea
  • 14ª Divisione (generale Jacques-Louis Hulot, in sostituzione del generale Louis Auguste de Bourmont, passato al nemico il 15 giugno)
    • Brigata Hulot
      • 9º Reggimento leggero
      • 111º Reggimento di linea
    • Brigata Toussaint
      • 44º Reggimento di linea
      • 50º Reggimento di linea
  • 7ª Divisione di cavalleria (generale Antoine Maurin)
    • Brigata Vallin
      • 6º Reggimento ussari
      • 8º Reggimento cacciatori a cavallo
    • Brigata Berruyer
      • 6º Reggimento dragoni
      • 17º Reggimento dragoni
  • Artiglieria (generale Baltus)
    • cinque batterie

VI Corpo d'armata (tenuto di riserva e non impegnato nella battaglia)

Comandante: generale Georges Mouton conte di Lobau

  • 19ª Divisione (generale Francois-Martin-Valentin Simmer)
    • Brigata Bellair
      • 5º Reggimento di linea
      • 11º Reggimento di linea
    • Brigata Jamin
      • 27º Reggimento di linea
      • 84º Reggimento di linea
  • 20ª Divisione (generale Jean-Baptiste Jeanin)
    • Brigata Bony
      • 5º Reggimento leggero
      • 10º Reggimento di linea
    • Brigata de Tromelin
      • 107º Reggimento di linea
  • 21ª Divisione (generale François Antoine Teste)
    • Brigata Laffitte
      • 8º Reggimento leggero
    • Brigata Penne
      • 65º Reggimento di linea
      • 75º Reggimento di linea
  • Artiglieria (generale Noury)
    • quattro batterie

RISERVA DI CAVALLERIA

I Corpo

Comandante: generale Pierre Claude Pajol

  • 4ª Divisione di cavalleria (generale Pierre Benoît Soult)
    • Brigata Houssin de St-Laurent
      • 1º Reggimento ussari
      • 4º Reggimento ussari
    • Brigata Ameil
      • 5º Reggimento ussari
  • 5ª Divisione di cavalleria (generale Jacques Gervais, barone di Subervie)
    • Brigata de Colbert
      • 1º Reggimento lancieri
      • 2º Reggimento lancieri
    • Brigata Merlin de Douai
      • 11º Reggimento cacciatori a cavallo

II Corpo

Comandante: generale Rémi Joseph Isidore Exelmans

  • 9ª Divisione di cavalleria (generale Jean Baptiste Alexandre Strolz)
    • Brigata Burthe
      • 5º Reggimento dragoni
      • 11º Reggimento dragoni
    • Brigata Vincent
      • 15º Reggimento dragoni
      • 20º Reggimento dragoni
  • 10ª Divisione di cavalleria (generale Louis Pierre Aimé Chastel)
    • Brigata Bonnemains
      • 4º Reggimento dragoni
      • 12º Reggimento dragoni
    • Brigata Berton
      • 14º Reggimento dragoni
      • 17º Reggimento dragoni

IV Corpo

Comandante: generale Édouard Jean-Baptiste Milhaud

  • 13ª Divisione di cavalleria (generale Pierre Watier)
    • Brigata Dubois
      • 1º Reggimento corazzieri
      • 4º Reggimento corazzieri
    • Brigata Travers
      • 7º Reggimento corazzieri
      • 12º Reggimento corazzieri
  • 14ª Divisione di cavalleria (generale Jacques-Antoine-Adrien Delort)
    • Brigata Vial
      • 5º Reggimento corazzieri
      • 10º Reggimento corazzieri
    • Brigata Farine
      • 6º Reggimento corazzieri
      • 9º Reggimento corazzieri

ARMATA DEL BASSO RENO

Comandante in capo: feldmaresciallo Gebhard Leberecht von Blücher

Capo di stato maggiore: generale August Neidhardt von Gneisenau

I Corpo d'armata

Comandante: generale Hans Ernst Karl von Zieten

  • Brigata Steinmetz
    • 12º Reggimento fanteria
    • 24º Reggimento fanteria
    • 1º Reggimento Landwehr Westfalia
  • Brigata Pirch II
    • 6º Reggimento fanteria
    • 28º Reggimento fanteria
    • 2º Reggimento Landwehr Westfalia
  • Brigata Jagow
    • 7º Reggimento fanteria
    • 29º Reggimento fanteria
    • 3º Reggimento Landwehr Westfalia
  • Brigata Henckel von Donnersmarck
    • 19º Reggimento fanteria
    • 4º Reggimento Landwehr Westfalia
  • I Corpo di cavalleria (generale Röder)
    • Brigata Trescow
      • 2º Reggimento dragoni
      • 5º Reggimento dragoni
      • Ulani del Brandeburgo
    • Brigata Lützow
      • 6º Reggimento ulani
      • 1º Reggimento cavalleria Landwehr Kurmark
      • 1º Reggimento ussari della Slesia
      • 1º Reggimento cavalleria Landwehr Westfalia
  • I Corpo d'artiglieria (generale Lehmann)
    • dodici batterie

II Corpo d'armata
Comandante: generale Georg Dubislav Ludwig von Pirch

  • Brigata Tippelskirch
    • 2º Reggimento fanteria
    • 25º Reggimento fanteria
    • 5º Reggimento Landwehr Westfalia
  • Brigata Kraft
    • 9º Reggimento fanteria
    • 26º Reggimento fanteria
    • 1º Reggimento Landwehr Elba
  • Brigata Brause
    • 14º Reggimento fanteria
    • 22º Reggimento fanteria
    • 2º Reggimento Landwehr Elba
  • Brigata Bose
    • 21º Reggimento fanteria
    • 23º Reggimento fanteria
    • 3º Reggimento Landwehr Elba
  • II Corpo di cavalleria (generale Jürgass)
    • Brigata Thümen
      • 6º Reggimento dragoni
      • 11º Reggimento ussari
      • Ulani della Slesia
    • Brigata Schulenburg
      • 1º Reggimento dragoni
      • 4º Reggimento cavalleria Landwehr Kurmark
    • Brigata Sohr
      • 3º Reggimento ussari
      • 5º Reggimento ussari
      • 5º Reggimento cavalleria Landwehr Kurmark
      • 1º Reggimento cavalleria Landwehr Elba
  • II Corpo d'artiglieria (generale Röhl)
    • dieci batterie

III Corpo d'armata

Comandante: generale Johann von Thielmann

  • Brigata Borcke
    • 8º Reggimento fanteria
    • 36º Reggimento fanteria
    • 1º Reggimento Landwehr Kurmark
  • Brigata Kämpfen
    • 27º Reggimento fanteria
    • 2º Reggimento Landwehr Kurmark
  • Brigata Luck
    • 3º Reggimento Landwehr Kurmark
    • 4º Reggimento Landwehr Kurmark
  • Brigata Stülpnagel
    • 31º Reggimento fanteria
    • 5º Reggimento Landwehr Kurmark
    • 6º Reggimento Landwehr Kurmark
  • III Corpo di cavalleria (generale Hobe)
    • Brigata Marwitz
      • 7º Reggimento ulani
      • 8º Reggimento ulani
      • 9º Reggimento ussari
    • Brigata Lottum
      • 5º Reggimento ulani
      • 7º Reggimento dragoni
      • 3º Reggimento cavalleria Landwehr Kurmark
      • 6º Reggimento cavalleria Landwehr Kurmark
  • III Corpo d'artiglieria (generale Monhaupt)
    • sei batterie

BibliografiaModifica

  • (FR) Henry Houssaye, Waterloo 1815, Christian Debarthelat editeur, 1987 [1896], ISBN 2-905563-18-4.
  • (FR) Henri Lachouque, Waterloo, Stock, 1972, ISBN non esistente.
  • (EN) Geoffrey Wootten, Waterloo 1815. The birth of modern Europe, Osprey, 1992, ISBN 1-85532-210-2.

Voci correlateModifica