Apri il menu principale
Osservatorio astrofisico di Catania
Cupola dell'osservatorio di Serra La Nave (CT).jpg
Cupola della sezione di Serra la Nave sull'Etna
OrganizzazioneUniversità di Catania, INAF
Codice156
StatoItalia Italia
LocalitàCatania
Coordinate37°31′43.71″N 15°04′17.38″E / 37.528808°N 15.071494°E37.528808; 15.071494Coordinate: 37°31′43.71″N 15°04′17.38″E / 37.528808°N 15.071494°E37.528808; 15.071494
Fondazione1876
Sito
Telescopi
Telescopio 1Riflettore Cassegrain da 91 cm
Telescopio AutomaticoRiflettore elettronico da 80 cm
Telescopio 2Riflettore Schmidt da 61 cm
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Italia
Osservatorio astrofisico di Catania
Osservatorio astrofisico di Catania

L'osservatorio astrofisico di Catania è un osservatorio astronomico che ha sede nella città siciliana, precisamente all'interno del complesso della cittadella universitaria. È diretto in collaborazione dal Dipartimento di fisica e astronomia dell'Ateneo e dall'Istituto nazionale di astrofisica.[1]

Indice

StoriaModifica

 
Un'antica foto del Regio osservatorio

L'osservatorio di Catania venne fondato su iniziativa di Pietro Tacchini, che allora dirigeva l'osservatorio di Palermo, nel 1876. Il nuovo istituto, chiamato Osservatorio Bellini, venne costruito sulla parte alta dell'Etna, a quota 2941 metri. Fu operativo per circa dieci anni, ma solo nel periodo estivo. L'edificio fu in seguito utilizzato come osservatorio vulcanologico e sepolto da circa 15 metri di lava durante l'eruzione vulcanica del 1971.

Per le difficoltà d'accesso fu realizzato in città il "Regio Osservatorio" nel 1880. Grazie a questa iniziativa, a Catania sorse la prima (e unica all'epoca) cattedra di astrofisica italiana che fu affidata nel 1890, ad Annibale Riccò, e l'Italia partecipò al progetto della Carte du Ciel dell'Accademia delle scienze francese. Il telescopio fu installato nel 1891 in un padiglione costruito ex novo nel Monastero dei Benedettini. La cupola del padiglione era girevole, del diametro di 5,5 metri. In disuso dopo la seconda guerra mondiale, l'edificio fu ceduto all'ospedale Vittorio Emanuele e abbattuto nel 1982 [2].

La sede "Mario Girolamo Fracastoro" dell'Osservatorio astrofisico è situata nel territorio etneo a 1 725 metri sul livello del mare, nella frazione Serra la Nave.[1] Iniziata nel 1956, fu inaugurata nel 1966 dal prof. Mario Girolamo Fracastoro e dai suoi collaboratori. [3] QUi hanno sede i due telescopi da 91 cm e da 61 cm. [4]

La sede "Annibale Riccò" si trova invece all'interno della "Città Universitaria". [5]

NoteModifica

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN133134519 · ISNI (EN0000 0001 2286 5505 · LCCN (ENn84001226 · GND (DE235355-6 · BNF (FRcb14414201g (data) · NLA (EN35676557