Otariidae

famiglia di mammiferi
Disambiguazione – "Otaria" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Otaria (disambigua).

Gli otaridi (Otariidae Gray, 1825), comunemente detti otarie, sono una famiglia di mammiferi adattati alla vita marina, suddivisa in due sottofamiglie: Otariinae (leoni marini) ed Arctocephalinae (otarie orsine).

Come leggere il tassoboxProgetto:Forme di vita/Come leggere il tassobox
Come leggere il tassobox
Otaridi
Zalophus californianus
Classificazione scientifica
DominioEukaryota
RegnoAnimalia
SottoregnoEumetazoa
RamoBilateria
SuperphylumDeuterostomia
PhylumChordata
SubphylumVertebrata
InfraphylumGnathostomata
SuperclasseTetrapoda
(clade)Amniota
ClasseMammalia
SottoclasseTheria
InfraclasseEutheria
SuperordineLaurasiatheria
(clade)Ferae
OrdineCarnivora
SottordineCaniformia
SuperfamigliaPinnipedia
FamigliaOtariidae
Gray, 1825
Sottofamiglie

Il nome deriva dal greco ὠτάριον, piccola orecchia. Le otarie, contrariamente alle foche in senso proprio, possiedono i padiglioni auricolari, seppure poco sviluppati.

Origine ed evoluzione modifica

Le origini della famiglia possono essere ricercate tra alcuni membri primitivi della superfamiglia dei focoidi (Phocoidea). Alcuni Generi primitivi (ad es. Enaliarctos e Pteronarctos) vissuti nel Miocene inferiore (circa 20 milioni di anni fa) in Giappone e sulla costa occidentale del Nordamerica, in particolare, sembrerebbero possibili candidati. Le prime vere otarie, però, apparvero solo nel Miocene medio: Pithanotaria è il membro più antico del gruppo, ma ben conosciuto è anche Thalassoleon, vissuto fino al Pliocene inferiore e affine all'odierno Callorhinus. Il peruviano Hydrarctos, del Pliocene superiore, sembra invece simile al genere attuale Arctocephalus.

Formula dentaria
Arcata superiore
2 4 1 3 3 1 4 2
1 4 1 2 2 1 4 1
Arcata inferiore
Totale: 36
1.Incisivi; 2.Canini; 3.Premolari; 4.Molari;

Classificazione modifica

Famiglia Otariidae

Riproduzione modifica

 
Otariidae Provincia delle Galápagos

Per potersi riprodurre i maschi devono lottare fra loro per decidere chi fra loro è più meritevole di accoppiarsi e per stabilire i propri territori. Per questa ragione, durante il periodo di riproduzione, i maschi tendono a essere aggressivi nei confronti di chiunque entri nel proprio territorio.

Dopo l'accoppiamento, la gestazione dura circa nove mesi, al termine dei quali normalmente viene partorito un unico cucciolo che rimarrà con la madre per un periodo di 1-3 anni.

La maturità sessuale dei maschi avviene a 9 anni, mentre per le femmine inizia a 6-8 anni.

Altri progetti modifica

Collegamenti esterni modifica

Controllo di autoritàGND (DE4172520-7
  Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi