Apri il menu principale

Pëtr Germogenovič Smidovič

rivoluzionario, politico e ingegnere russo e sovietico
Pëtr Germogenovič Smidovič

Pëtr Germogenovič Smidovič (in russo: Пётр Гермогенович Смидович?; Rogačëv, 7 maggio 1874Mosca, 16 aprile 1935) è stato un rivoluzionario e politico russo e sovietico.

BiografiaModifica

Pëtr Smidovič nacque in una famiglia nobile e si avvicinò ai circoli marxisti illegali durante il ginnasio. Nel 1894 fu espulso dall'Università di Mosca e confinato a Tula.[1] Da qui fuggì a Parigi, dove completò l'Istituto di elettrotecnica.[2] Nel 1898 rientrò in Russia con un passaporto belga; sotto la falsa identità dell'elettrotecnico Étienne Buter lavorò in fabbrica a Ekaterinoslav, Mosca e Pietroburgo e poi come muratore a Kerč'. Nel frattempo portava avanti l'attività rivoluzionario come membro, fin dalla sua fondazione, del Partito Operaio Socialdemocratico Russo (POSDR). Nel 1901, dopo un anno di carcerazione preventiva, fu condannato all'esilio. A Londra fu incaricato da Lenin di organizzare il trasporto del giornale Iskra da Marsiglia a Batumi. Per questo rientrò nel territorio dell'Impero russo e si occupò di stampare clandestinamente la rivista a Uman'.[3]

 
Il Comitato esecutivo del Soviet di Mosca nel 1918: il presidente Smidovič è seduto al centro.

Dopo la fallita rivoluzione del 1905 Smidovič, in qualità di membro del Comitato cittadino e circondariale del POSDR di Mosca, si occupò della riorganizzazione delle strutture del partito e della creazione di un ufficio sindacale clandestino. Dopo la partecipazione al IV Congresso del POSDR a Stoccolma fu condannato a due anni di confino a Vologda, dopodiché rientrò a Mosca dove lavorò come ingegnere presso una centrale elettrica. Dopo la Rivoluzione di febbraio del 1917 fu membro del presidium del Soviet di Mosca, all'interno del quale si oppose alla linea della maggioranza formata da socialrivoluzionari e menscevichi, e delegato al VI Congresso del POSDR. Durante la Rivoluzione d'ottobre fece parte del Comitato militare rivoluzionario moscovita.[3]

Nel 1918 divenne presidente del Soviet cittadino e in questa veste pronunciò il discorso d'apertura dell'inaugurazione da parte di Lenin della lapide posta presso la necropoli delle mura del Cremlino sulle fosse comuni dei rivoluzionari caduti. In seguito Smidovič fu, tra gli altri ruoli, direttore del dipartimento energetico del Consiglio superiore dell'economia nazionale, presidente del sovnarchoz del Governatorato di Mosca, membro del presidium del Comitato esecutivo centrale panrusso e poi di quello dell'Unione Sovietica. Fece inoltre parte della Commissione centrale di controllo del Partito Comunista Russo (bolscevico) eletta nel 1921 al X Congresso.[3]

Fu il secondo marito della rivoluzionaria Sof'ja Nikolaevna Smidovič.[4] A lui è stata intitolata la città di Smidovič, nell'Oblast' autonoma ebraica.[5]

OnorificenzeModifica

  Ordine di Lenin
«per l'abnegazione nella lotta della classe operaia per il socialismo, per il vigore nel campo dell'elettrificazione del paese, per molti anni di instancabile lavoro di accoglienza dei contadini e di gestione dei loro problemi, per l'efficiente opera di organizzazione economico-culturale dei popoli settentrionali dell'Unione Sovietica, per l'attiva direzione dell'organizzazione del territorio dei poveri ebrei»
— 3 settembre 1931[4]

NoteModifica

  1. ^ Abramov, p. 225.
  2. ^ Abramov, pp. 225-226.
  3. ^ a b c Abramov, p. 226.
  4. ^ a b Smidovič Pëtr Germogenovič.
  5. ^ Abramov, p. 227.

BibliografiaModifica

  • (RU) Aleksej Abramov, U Kremlëvskoj steny [Presso le mura del Cremlino], 2ª ed., Mosca, Izdatel'stvo političeskoj literatury, 1978.
  • (RU) Smidovič Pëtr Germogenovič, su Справочник по истории Коммунистической партии и Советского Союза 1898 - 1991 [Manuale di storia del Partito Comunista e dell'Unione Sovietica 1898-1991]. URL consultato il 16 marzo 2019.

Altri progettiModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN23369657 · ISNI (EN0000 0000 2261 0767 · LCCN (ENn00023841 · WorldCat Identities (ENn00-023841