Apri il menu principale

Palazzo H

Edificio storico di Roma, sede di rappresentanza del CONI
Palazzo H
Foro Italico 羅馬廣場 - panoramio.jpg
Uno dei due ingressi del palazzo
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
Indirizzolargo Lauro de Bosis 15
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1928-32

Il palazzo H è un edificio storico di Roma, nel complesso del Foro Italico. Oggi è sede di rappresentanza del CONI.

StoriaModifica

Il palazzo H fu progettato dall'architetto Enrico Del Debbio nel 1927. La prima pietra fu posta da Mussolini il 28 febbraio 1928, e inaugurato nel 1932 come sede dell'Accademia fascista maschile di educazione fisica (poi Accademia della Farnesina). È la prima opera del Foro Italico (allora Foro Mussolini) a essere realizzata, su indicazione dell'Opera Nazionale Balilla, il cui piano fu progettato da Del Debbio nel periodo 1927-1933, e completato nel dopoguerra (1956/60). Nel marzo 1951 Giulio Onesti ne fece sede del CONI e il palazzo è divenuto poi sede di rappresentanza del Comitato olimpico nazionale italiano, che nel 2018 ha previsto dei lavori di restauro[1]. Dal 2019 è anche sede di Sport e Salute.

ArchitetturaModifica

 
Nel 1960, durante le Olimpiadi di Roma

Composto da due corpi simmetrici di due piani, collegati da un grande pontile, così da formare una pianta a “H”. Dentro nicchie incorniciate da edicole di marmo a fastigio triangolare spezzato, vi sono 4 statue di atleti. A fianco vi è realizzata una palestra monumentale, con una pianta semi ovoidale, progettata per la ginnastica, con gallerie sopraelevate[2]

InterniModifica

All'interno, nel salone d'onore, vi sono due enormi pitture murali, il più famoso è l’"Apoteosi del Fascismo" di Luigi Montanarini del 1928, che nel dopoguerra per decenni fu tenuto nascosto sotto un panno verde, e solo nel 1997 su disposizione della Soprintendenza è stato svelato[3]. L'altro affresco è una allegoria di Roma antica, opera di Angelo Canevari[4]. Vi sono anche quattro soggetti sportivi, dipinti da Romano Dazzi.

NoteModifica

  1. ^ www.ediliziappalti.com, su ediliziappalti.com. URL consultato il 16 novembre 2019 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2019).
  2. ^ www.coni.it
  3. ^ Adnkronos
  4. ^ www.fondoambiente.it

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica