Apri il menu principale
Palazzo Wallenstein
Valdstejnsky Palace Lobkowicz wing.jpg
Localizzazione
StatoRep. Ceca Rep. Ceca
LocalitàPraga
Coordinate50°05′24″N 14°24′24″E / 50.09°N 14.406667°E50.09; 14.406667Coordinate: 50°05′24″N 14°24′24″E / 50.09°N 14.406667°E50.09; 14.406667
Informazioni generali
CondizioniIn uso
Costruzione1623-1630
Stilebarocco
Realizzazione
ArchitettoAndrea Spezza
ProprietarioSenato della Repubblica Ceca
CommittenteAlbrecht von Wallenstein
Una mappa del Palazzo Wallenstein

Il Palazzo Wallenstein è un palazzo barocco che si trova a Praga nel quartiere di Malá Strana e che servì come residenza per il generalissimo Albrecht von Wallenstein e che oggi ospita il Senato della Repubblica Ceca.

StoriaModifica

Il palazzo originale venne costruito negli anni 1623-1630 da Albrecht von Wallenstein, duca di Meclemburgo e comandante in capo delle forze imperiali nella Guerra dei trent'anni.

Dopo l'assassinio di von Wallenstein nel 1634, la vedova lo vendette al nipote e il palazzo rimase di proprietà della famiglia Wallenstein fino al 1945 quando, dopo la seconda guerra mondiale, il palazzo divenne proprietà statale cecoslovacca e venne rinnovato per ospitare uffici governativi.

Oggi il palazzo è sede del Senato della Repubblica Ceca, mentre la scuola di equitazione è utilizzata come sede secondaria della Galleria nazionale di Praga.

Albrecht von Wallenstein aveva viaggiato in Italia e, per realizzare il palazzo, ingaggiò architetti e artigiani italiani tra cui Andrea Spezza (probabilmente l'architetto principale). Gli interni sono stati decorati dal fiorentino Baccio del Bianco, che ha realizzato l'affresco del soffitto nella sala principale e alcune figure nei dipinti della cappella di San Venceslao, oltre alle parti più importanti della decorazione del corridoio mitologico.

Per la realizzazione del palazzo, Wallenstein rase al suolo 26 case e sei giardini e nelle intenzioni del committente doveva rivaleggiare con il Castello di Praga.

Il complesso comprende giardini d'epoca, il viale delle sculture, le scuderie e una grande scuola di equitazione.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN148651145 · ISNI (EN0000 0001 0703 2863 · WorldCat Identities (EN148651145