Apri il menu principale

Panfilo Nuvolone

pittore italiano
Natura morta. Dipinto di Panfilo Nuvolone conservato al Museo d'arte di San Paolo

Panfilo Nuvolone (Cremona, 1581Milano, 27 ottobre 1651) è stato un pittore italiano attivo tra la Lombardia e l'Emilia. In una Milano già conquistata dai barocchi "pittori pestanti", fu interprete di un superato tardo manierismo ispirato dai dettami della Controriforma. Fu al contrario più apprezzato per i primi esperimenti sulla natura morta.

BiografiaModifica

Nato da un gentiluomo mantovano, fu padre di una famiglia di pittori cremonesi. Svolse il suo apprendistato presso Giovanni Battista Trotti (chiamato il Malosso), quindi si trasferì a Milano, presumibilmente prima del 1608[1][2].

I figli Giuseppe e Carlo Francesco avuti dalla moglie Isabella proseguirono nell'attività del padre dipingendo a Milano e Cremona.

OpereModifica

Nel suo periodo milanese ottenne le seguenti commissioni:

  • Transito di San Diego all'Aldilà (1609), pala d'altare per la chiesa di Santa Maria del Giardino, dispersa con la demolizione della chiesa.
  • Affreschi per la cappella Sansone nella chiesa di Sant'Angelo (1610)
  • Alzata cesellata con uccelli collezione privata, firmata e data 160.. l'ultimo numero non è leggibile ma sicuramente il dipinto è stato eseguito nel suo periodo milanese[3]
  • Storie di Lazzaro e del ricco Epulone, affreschi (1618) per la chiesa di San Lazzaro nel Quadrone, perduti con la demolizione di quest'ultima
  • I profeti Isaia, Geremia, Davide ed Ezechiele, (1621-1623) affresco sulla volta per la chiesa di Santa Maria della Passione
  • Incoronazione della Vergine, (1621-1623) affresco sul catino absidale della chiesa di Santa Maria della Passione
  • Madonna col Bambino in gloria e i santi Antonio abate e Vittore, (1624) affresco nella basilica di San Vittore al Corpo

Altre opere del pittore si trovano tra Lodi, Como e Pontremoli, dove collaborò con il figlio Carlo Francesco Nuvolone, anch'egli importante pittore lombardo[4].

Più apprezzato dai collezionisti dell'epoca fu la sua attività con la natura morta: sua la Natura morta con una ciotola di pesche che ricorda la Canestra di frutta di Caravaggio all'Ambrosiana e temi simili di Fede Galizia. Gli viene attribuita la tela Piatto di maiolica con frutta dei primi anni del XVII secolo conservata al Museo civico Amedeo Lia a La Spezia.

NoteModifica

  1. ^ Dottore Pasquale Coddè, Memorie Biografiche, poste in forma di Dizionario die Pittori, Scultori, Architetti, ed Incisori Mantovani, a cura di Aumentate e scritte Dottore Fisico, Luigi Coddè, Presso i Fratelli Negretti, Mantua; Digitized by Googlebooks from Oxford University copy on October 16, 2006, 1837, page 120–123.
  2. ^ art net, http://www.artnet.com/library/06/0630/T063084.asp. URL consultato il 17 agosto 2018.
  3. ^ Alzata cesellata con uccelli, Edizione Credito Bergamasco, 2007, p. 27.
  4. ^ Cain and Abel, su wga.hu.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN51631944 · ISNI (EN0000 0000 6153 391X · LCCN (ENnr2003006056 · ULAN (EN500016806 · BAV ADV12003115 · WorldCat Identities (ENnr2003-006056