Apri il menu principale
Paolo Battistuzzi
Paolo battistuzzi.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
Legislature IX, X, XI
Gruppo
parlamentare
Partito Liberale Italiano
Collegio Roma
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico PLI
Titolo di studio Laurea in giurisprudenza
Professione dirigente d'azienda

Paolo Battistuzzi (Alessandria, 25 agosto 1941Roma, 18 novembre 1998) è stato un politico italiano.

Iniziò la carriera politica con l'elezione a consigliere comunale e provinciale a Udine nel 1964 e fu segretario nazionale della "Gioventù Liberale Italiana", organizzazione giovanile del Partito Liberale Italiano.

Trasferitosi a Roma alla fine degli anni '60 iniziò a lavorare in RAI dove rivestì anche il ruolo di consigliere d'amministrazione.

Fu eletto deputato nel 1983 con il Partito Liberale Italiano nel collegio elettorale di Roma, Viterbo, Latina, Frosinone, e fu riconfermato nel 1987 e nel 1992. Già vice segretario del Partito Liberale sotto la segreteria di Giovanni Malagodi, fu poi presidente del gruppo parlamentare liberale tra il 1987 e il 1993, quando fu tra i fondatori del progetto politico "Verso Alleanza Democratica". È stato membro dell'Unione Europea Occidentale.

Nel 1989 fu inoltre eletto nel consiglio comunale di Roma e nominato assessore alla cultura. Nel 1993 fu tra i sostenitori di Francesco Rutelli nella sua candidatura a sindaco di Roma, che risultò successivamente vincente.

Alle elezioni politiche del 1994 rifiutò la candidatura tra i Progressisti, decidendo di tornare a lavorare in RAI, e, fino alla sua improvvisa morte, rivestì il ruolo di segretario generale del Prix Italia.

Da ricordare anche la sua attività come intellettuale, prima come fondatore e direttore del giornale L'Opinione e poi come autore di saggi politici e libri. Tra questi nel 1990 il libro autobiografico "Di lauri e di limoni".

È scomparso improvvisamente nel 1998 all'età di 57 anni a seguito di un ictus[1].

Il suo testamento politico è stato raccolto dal movimento "Sinistra Liberale".

NoteModifica

  1. ^ Morto il liberale Paolo Battistuzzi[collegamento interrotto] Agi.it

Collegamenti esterniModifica