Apri il menu principale

Paride Grassi

vescovo cattolico e teologo italiano
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altre persone con lo stesso nome, vedi Paride Grassi (disambigua).
Paride Grassi
vescovo della Chiesa cattolica
BishopCoA PioM.svg
 
Incarichi ricopertiVescovo di Pesaro
 
Nato1470 circa a Bologna
Nominato vescovo4 aprile 1513
Consacrato vescovo16 maggio 1513
Deceduto10 giugno 1528 a Roma
 

Paride Grassi, in latino: Paris Crassus Bononiensis, Paris Grassus (Bologna, 1470 circa – Roma, 10 giugno 1528), è stato un vescovo cattolico e teologo italiano.

Stemma della famiglia Grassi

La sua figura storica ricopre un breve cammeo nel film Il tormento e l'estasi sulla vita di Michelangelo Buonarroti.

Indice

BiografiaModifica

Teologo e storico, nonché fratello del cardinale Achille Grassi, giunse a Roma dalla nativa Bologna intorno all'anno 1473 per studiare diritto canonico, sotto il pontificato di Innocenzo VIII. Dapprima rivale, poi collaboratore del Burcardo, nel 1504 venne nominato da papa Giulio II suo successore nella carica di cerimoniere pontificio. Nel 1513 venne nominato vescovo di Pesaro, ma non lasciò l'incarico di cerimoniere, che esercitò sotto i pontificati di Giulio II, Leone X, Adriano VI e Clemente VII. Morì a Roma il 10 giugno 1528. Continuando l'iniziativa del Burcardo che inaugurò la stesura dei Diari delle cerimonie papali, il Grassi compilò i propri Diaria che sono conservati in Vaticano e che coprono il periodo che va dal 12 maggio 1504 al 9 dicembre 1521. Raccogliendo informazioni non solo sulla pratica liturgica ma anche sulle vicende papali (concistori, affari diplomatici, ecc.) i Diaria costituiscono un'importante fonte storica [1] e a partire dal XVIII secolo ne sono state stampate in Europa diverse raccolte parziali. Contrariamente a quelli del Burcardo, i diari del Grassi non sono ancora stati integralmente pubblicati.

OpereModifica

  • Grassis Diarium. Archivio Segreto Vaticano, Miscellanea, Armadio XII,17-21. Edizione parziale moderna a cura di: Pio Delicati; Mariano Armellini, Il diario di Leone X di Paride Grassi, maestro delle cerimonie pontificie dai volumi manoscritti degli archivi vaticani della S. Sede con note di M. Armellini, Roma, Tipografia della Pace, 1884
  • Paridis Crassi ... De caeremoniis cardinalium et Episcoporum in eorum Dioecesibus. Libri duo. Singulis etiam ecclesiarum Canonicis valde necessarij ", Venetiis: apud Petrum Dusinellum, 1582
  • De ingressu summi pont. Leonis X Florentiam descriptio Paridis de Grassis civis Bononiensis Pisauriensis episcopi ex cod. ms. nunc primum in lucem edita et notis illustrata a Dominico Moreni Academiae Florentinae nec non Columbariae socio, Florentiae: apud Caietanum Cambiagi typographum regium, 1793

Genealogia episcopaleModifica

Successione apostolicaModifica

NoteModifica

  1. ^ In merito vale la pena citare l'apprezzamento, velato d'ironia, che gli tributa lo Shearman:

    «the papal Master of Ceremonies Paris de Grassis (Crassus to his enemies), who was, from his appointment by Julius in 1504 to his retirement after the death of Leo, a diligent and, one suspects, reluctant witness of all novelties which might change the proper order of things [...] belonged to that blessed and maligned breed of men we call pedants, and he was obsessed by the necessity of being understood; without the manuscripts of his diary and the precisions of his notes I should have fewer dates and identifications to give you, and the ice would be too thin even to skate round the edges of this problem [consistente nel riuscire ad identificare la funzione originaria delle Stanze vaticane ai tempi di Giulio II]»

    (John Shearman, The Vatican Stanze: Functions and Decoration (1971), in: George Holmes (ed.), Art and Politics in Renaissance Italy. British Academy Lectures, New York, The British Academy and Oxford University Press, 1993, pag. 186)

BibliografiaModifica

  • Marc Dykmans, Paris de Grassi, Ephemerides Liturgicae, vol. 96, nº4-6, pagg. 407-482; vol. 99, nº4-5, pagg. 383-417; vol. 100, nº3, pagg. 270-333.

Voci correlateModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN57455881 · ISNI (EN0000 0000 7819 0968 · GND (DE120862166 · BAV ADV12291021
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie