Partito Popolare (Ucraina)

partito politico ucraino
Partito Popolare
(UK) Народна Партія
Narodna Partija
Nar-party.gif
LeaderVolodymyr Lytvyn
StatoUcraina Ucraina
Fondazione1996
IdeologiaRuralismo[1]
CollocazioneCentro[1]
CoalizionePer l'Ucraina Unita (2002)
Blocco di Lytvyn (2006-2007)
Seggi Verchovna Rada
2 / 444
 (2012)
Sito webnarodna.org.ua

Il Partito Popolare (in ucraino Народна Партія, Narodna Partija, NP) è un partito politico ucraino a ispirazione centrista agraria,[1] fondato nel 1996 come Partito Agrario di Ucraina (Аграрна партія України, APU), e guidato da Volodymyr Lytvyn.

StoriaModifica

Alle elezioni parlamentari del 1998, NP ottenne il 3,7% dei voti e 2 seggi.

Alle elezioni parlamentari del 2002, NP entrò a far parte della coalizione Per l'Ucraina Unita (ZJeU), composta anche dal Partito delle Regioni (conservatori filo-russi), il Partito degli Industriali e degli Imprenditori d'Ucraina, (centristi liberali), il Partito Democratico Popolare ed Ucraina Lavoro. La coalizione, guidata da Lytvyn, sosteneva, con posizioni moderate e filo-russe, il presidente dell'Ucraina in carica, Leonid Kučma; ottenne l'11,8% dei voti e 102 seggi su 450.

Alle elezioni parlamentari del 2006, NP costituì la coalizione Blocco Popolare di Lytvyn insieme al Partito dell'Unione di Tutti gli Ucraini di Sinistra "Giustizia" (socialisti) e al Partito Democratico Rurale Ucraino (agrari). Il Blocco ottenne, però, il 2,4% dei voti e, non superando lo sbarramento del 3%, non ottenne seggi.

Alle elezioni parlamentari del 2007, NP diede vita, insieme ad Partito Laburista d'Ucraina (poi Ucraina Forte), al Blocco di Lytvyn, che conquistò il 4% dei voti e ben 20 seggi. NP entrò così a far parte del nuovo governo, con a capo da Mykola Azarov, insieme al Partito delle Regioni e al Partito Comunista d'Ucraina.

Alle elezioni parlamentari del 2012 NP ottenne 2 deputati, eletti entrambi nella quota maggioritaria.

IdeologiaModifica

NoteModifica

  1. ^ a b c (EN) Wolfram Nordsieck, Ukraine, in Parties and elections. URL consultato il 3 agosto 2013.

Collegamenti esterniModifica

  Portale Politica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di politica