Partito dei Progressisti

partito politico greco

Il Partito dei Progressisti (in greco moderno: Κόμμα Προοδευτικών, trasl. Komma Proodeutikon) è stato un partito politico greco di orientamento conservatore fondato nel 1954 da Spyridōn Markezinīs, fuoriuscito dal Raggruppamento Ellenico.

Partito dei Progressisti
Κόμμα Προοδευτικών
LeaderSpyridōn Markezinīs
StatoBandiera della Grecia Grecia
Fondazione1954
1979
Dissoluzione1984
IdeologiaConservatorismo

Costretto allo scioglimento dopo l'instaurazione della dittatura dei colonnelli, si ricostituì nel 1979 su iniziativa dello stesso Markezinīs che, sul finire del regime, aveva frattanto ricoperto la carica di Primo ministro.

Il partito si presentò così alle elezioni europee del 1981 ottenendo l'1,96% dei voti e un seggio: fu eletto Apostolos Papageorgiou, che aderì al gruppo dei non iscritti. Alle successive parlamentari del 1981 si attestò all'1,69% dei voti senza conseguire alcuna rappresentanza.

Dopo l'insuccesso subito alle europee del 1984, in cui si fermò allo 0,17%, il partito decretò il proprio scioglimento.

Risultati modifica

Elezione Voti % Seggi
Parlamentari 1956 74.545 2,22
0 / 300
Parlamentari 1958 [N 1] N.D.
2 / 300
Parlamentari 1961 [N 2] N.D.
14 / 300
Parlamentari 1963 173.981 3,73
2 / 300
Parlamentari 1964 [N 3] N.D.
8 / 300
Europee 1981 111.245 1,96
1 / 24
Parlamentari 1981 95.799 1,69
0 / 300
Europee 1984 10.136 0,17
0 / 24
  1. ^ Nell'Unione Democratica Contadina Progressista (con EPEK, DKEL e KAE); l'alleanza ottenne 10 seggi
  2. ^ Con EK; l'alleanza ottenne 100 seggi
  3. ^ Con ERE; l'alleanza ottenne 107 seggi