Apri il menu principale

BiografiaModifica

Pasquale Amati studiò a Cesena e Rimini, e poi si trasferì a Roma, dove studiò diritto con Mattia Costantini. A Roma studiò anche le lettere antiche nonché l'archeologia e le lingue orientali. Al suo ritorno a Savignano scrisse due Dissertazioni (Faenza, 1761–63) per dimostrare che il Rubicone era il fiume di Savignano.

Nel 1776 pubblicò a Bologna una Dissertazione sul castro Mutilo degli Antichi Galli e sul Passagio d'Annibale per l'Appennino.

Chiamato dal conte Carlo Mosca Barzi a Pesaro per sovrintendere alla sua tipografia, pubblicò una raccolta di classici di Francesco Antonio Zaccaria, la Biblioteca antica e moderna di storia letteraria, 1766-68.

La sua opera più nota è De Restitutione Purpurarum, in cui studiò approfonditamente la polvere di porpora usata dagli antichi.

Nel 1786, divenne professore di Pandette a Ferrara, cattedra che tenne fino alla sua morte.

OpereModifica

  • Grammatica verace della lingua latina e quasi di ogni lingua...
  • Dissertazioni tre dell'abate Pasquale Amati savignanese sopra alcune lettere del signor dottor Giovanni Bianchi di Rimini e sopra la moderna iscrizione savignanese e il Rubicone degli antichi, Faenza 1761 (che contiene però solo la prima dissertazione)
  • Dissertazione seconda dell'abate Pasquale Amati savignanese sopra alcune lettere del signor dottor Bianchi di Rimini e sopra il Rubicone degli antichi, Faenza 1763
  • Dissertazione sul castro Mutilo degli Antichi Galli e sul Passagio d'Annibale per l'Appennino, Bologna, 1776
  • Libellus de restitutione purpurarum, Lucae, 1781

NoteModifica

  1. ^ a b DBI.

BibliografiaModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN305855249 · ISNI (EN0000 0000 6633 1188 · SBN IT\ICCU\SBLV\041249 · GND (DE1055312250 · BAV ADV12127894 · CERL cnp02142670 · WorldCat Identities (EN305855249
  Portale Storia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di storia