Paul Barbe

industriale e politico francese
Paul Barbe
Barbe, Paul (Panthéon de l'industrie, 1887-06).jpg
Ritratto di Paul Barbe, 1887

Dati generali
Università Polytechnique
Professione imprenditore

François Barbe, noto come Paul Barbe (Nancy, 4 febbraio 1836IX arrondissement di Parigi, 29 luglio 1890), è stato un imprenditore e politico francese. Fu per molti anni il socio francese di Alfred Nobel e il suo rappresentante in Francia.

BiografiaModifica

Figlio di Jean-Baptiste Charles Barbe, fabbro che divenne maestro delle fucine a Liverdun e Tusey, Paul Barbe si diplomò nel 1855 al Polytechnique.

Già nel 1868 Nobel si unì a Barbe per lo sfruttamento della dinamite in Francia. Nel 1870, sotto la potente gestione di Barbe, la fabbricazione della dinamite fu intrapresa a Liverdun in tre case operaie nella città della Croisette. Venne costruita una fabbrica a Paulilles, vicino al confine spagnolo, un luogo isolato scelto per motivi di sicurezza nazionale. "Il luogo scelto doveva essere il più lontano possibile dai confini orientali", aveva affermato Léon Gambetta.

Le capacità organizzative e il talento di amministratore di Barbe gli furono riconosciuti e fu così nominato responsabile della costituzione e dell'amministrazione di varie altre società, mentre Alfred Nobel si dedicava al miglioramento tecnico dei suoi prodotti.

Fondazione dell'impero NobelModifica

Nel 1886, con l'aiuto di Barbe, furono fondate aziende produttrici di dinamite in Italia, in Spagna a Galdakao vicino a Bilbao, e in Svizzera.

Barbe ebbe un'influenza decisiva sull'ulteriore sviluppo delle società Nobel nel continente. Insieme a Nobel, creò le basi di un impero multinazionale. Il risultato finale fu la costituzione di due grandi trust, Nobel Dynamite Trust Co. e Société Centrale de Dynamite.

Brevetti francesiModifica

Barbe propose di ridurre la sensibilità esplosiva del cotone in polvere aggiungendo nitrati organici o inorganici, in particolare nitrato d'ammonio (brevetto francese n° 159.214 del 17 décembre 1883).

Lo stesso inventore, al fine di garantire la neutralità e ridurre l'igroscopicità del nitrato d'ammonio, propose di aggiungere a questo sale carbonato d'ammonio (brevetto francese n° 68.189 del 10 aprile 1885).

Rapporti con Alfred NobelModifica

Alfred Nobel aveva un socio competente in Barbe, ma i due uomini non divennero mai amici molto intimi.

Alfred aveva un grande rispetto per la professionalità di Barbe, ma presto si rese conto della sua inaffidabilità, ogni volta che i suoi interessi erano in campo. L'etica di Barbe non eguagliò mai quella di Nobel. Alfred Nobel aveva in passato descritto Barbe come qualcuno "Con ottime capacità al lavoro ma la cui coscienza era più elastica della gomma. È un peccato, perché questa combinazione di intuizione ed energia è così rara."

Carriera politicaModifica

Nel 1885 Barbe fu eletto deputato del Dipartimento di Seine-et-Oise alla Camera dei deputati e divenne ministro dell'agricoltura dal 30 maggio al 12 dicembre 1887 nel primo governo Rouvier, continuando in seguito ad esercitare una notevole influenza politica come deputato.

Speculazioni e scandalo del Canale di PanamaModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Scandalo di Panama.

Barbe fu coinvolto in attività speculative illegali. Fuggì dai suoi creditori solo togliendosi la vita, nella sua casa parigina, il 29 luglio 1890.

Le manipolazioni illegali di Barbe all'insaputa di Nobel furono rese note a quest'ultimo solo dopo la morte del socio e gli causarono notevoli perdite finanziarie. Lo scandalo del canale di Panama e il coinvolgimento di Barbe [1] misero Nobel in una situazione molto precaria.

SepolturaModifica

Barbe venne sepolto l'11 agosto 1890 nel cimitero di Père-Lachaise, 81ª divisione, alla presenza di numerosi dignitari. I discorsi furono tenuti da Gustave-Adolphe Hubbard, deputato della Seine-et-Oise, da Gautherin, sindaco di Rambouillet, da Alfred Naquet, deputato e vicepresidente della Société de Dynamite di cui Paul Barbe era stato presidente e del banchiere e uomo politico Lorraine Edmond Goudchaux.

OnorificenzeModifica

  Cavaliere della Legion d'onore
«Capo squadrone di artiglieria della Guardia mobile della Meurthe»
— 31 ottobre 1870

OpereModifica

 
La dynamite, 1870

NoteModifica

  1. ^ A. Lucas, Précis historique de l'affaire du Panama : relation détaillée et impartiale des faits officiellement confirmés, Parigi, Delhomme et Briguet, 1883, pp. 105 e 106.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàWorldCat Identities (ENlccn-no2011154900