Apri il menu principale

Pella (città antica)

antica città della Grecia
Pella
Pella House atrium.jpg
Mosaici in una antica casa di Pella
Nome originale Πέλλα
Territorio e popolazione
Nome abitanti Macedoni antichi
Lingua macedone antica
Localizzazione
Coordinate 40°45′16.81″N 22°31′15.78″E / 40.754669°N 22.52105°E40.754669; 22.52105Coordinate: 40°45′16.81″N 22°31′15.78″E / 40.754669°N 22.52105°E40.754669; 22.52105
Mappa di localizzazione: Grecia
Pella
Pella
Pella nell'odierna Grecia

Pella (in greco Πέλλα) è un'antica città della Grecia nella antica regione della Bottiea in Macedonia, che ha dato il nome all'attuale prefettura di Pella. Il nome della città deriva dal dialetto dorico: la parola Apella significava "luogo cerimoniale dove prendere delle decisioni".

Sotto i Bizantini e gli Ottomani, la città era nota come Άγιοι Απόστολοι (Agii Apostoli - in italiano "Santi Apostoli"), ma tornò al nome originario nel 1936, pochi anni dopo il passaggio della cittadina dall'amministrazione ottomana alla sovranità del regno di Grecia.

Indice

StoriaModifica

 
Pella nella parte inferiore dell'antico Regno di Macedonia

Pella fu fondata da Archelao I per diventare la capitale del Regno di Macedonia e fu sede anche dell'impero di Filippo II e Alessandro Magno. Nel 168 a.C., dopo la sconfitta dei Macedoni a opera dei Romani a Pidna, la città fu saccheggiata e fu privata della maggior parte dei suoi tesori, accumulati grazie alle grandi imprese di Alessandro e Filippo II. Dopo questo episodio, ci fu una graduale decadenza della città, che ritornò man mano a essere un grande villaggio costituito per di più da baracche, ritrovo di mercanti e di predoni. Fu inoltre distrutta da un terremoto e nel 180 Luciano di Samosata la descrisse come una città "insignificante, con pochissimi abitanti".

ArcheologiaModifica

 
Mosaico della caccia al leone a Pella

I primi moderni scavi archeologici cominciarono nel 1953. I lavori continuarono fino alla scoperta di parti significative dell'antica città.

Oggi sappiamo che il centro era ampio più di 400 ettari ed era diviso fra la città bassa ed il palazzo reale.

La città bassa era caratterizzata da un disegno regolare, di tipo "ippodameo" basato su un asse viario largo ben 15 m e strade perpendicolari larghe 9 m ed era dotata di una ampia agorà, 200 x 181 m, vero cuore del centro[1]. Il palazzo reale è ancora oggi in fase di scavo, era ampio più di 7 ettari e fu decorato dai più grandi artisti greci del V/IV secolo, tra cui il celebre pittore Zeusi[2].

La più recente scoperta archeologica relativa all'abitato è il riconoscimento del teatro antico della città da parte di Paolo Storchi della Scuola Archeologica Italiana di Atene[3] e probabilmente anche di un Odeon a Nea Pella, la città che sorse quando la capitale di Alessandro fu distrutta da un rovinoso terremoto[4].

Fino al 2000, gli archeologi hanno scoperto in tutto 1000 tombe, ma si è stimato che queste rappresentino solo il 5% del sito complessivo. Nel 2009 sono state trovate 43 tombe contenenti diversi artefatti e nel 2010 se ne sono rinvenute altre 37, datate tra il 650 e il 280 a.C.

NoteModifica

  1. ^ P. Storchi, Ipotesi di riconoscimento dei teatri di Pella e della colonia pellensis mediante immagini telerilevate, p. 77; Annuario della Scuola Archeologica Italiana di Atene 2019..
  2. ^ P. Storchi, Ipotesi di riconoscimento dei teatri di Pella e della colonia pellensis mediante immagini telerilevate, p. 77; Annuario della Scuola Archeologica Italiana di Atene 2019...
  3. ^ Gli antichi teatri di Pella individuati grazie a Google Earth e Bing, su nationalgeographic.it.
  4. ^ Scoperto a Pella il teatro di Euripide |, su www.archeologiaviva.it. URL consultato il 20 luglio 2019.

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN129117829 · LCCN (ENn88253905