Petr Mach

politico ed economista ceco
Petr Mach
Petr Mach (14001188144).jpeg
Sito ufficiale di Petr Mach

Presidente del Partito dei Liberi Cittadini
In carica
Inizio mandato 14 febbraio 2009
Predecessore Nessuno

Deputato del Parlamento europeo
In carica
Inizio mandato 1º luglio 2014

Dati generali
Partito politico Partito dei Liberi Cittadini (2009-presente) Precedente:
ODS (1997-2007)
Titolo di studio Dottorato in economia
Università Università di Economia di Praga
Professione politico, economista, docente universitario

Petr Mach (Praga, 6 maggio 1975) è un politico ed economista ceco. È conosciuto per le sue idee liberali e critiche dell'Unione europea. Nel 2009 ha fondato il Partito dei Liberi Cittadini, di cui è ancora il suo presidente. Dal 1º luglio 2014, è deputato del Parlamento europeo.

Mach è stato presidente del giovani conservatori, l'ala giovanile del Partito Democratico Civico, nel 1997. Petr Mach guadagnato un Ph.D. dalla Università di Economia di Praga (Dipartimento di Teoria politica e monetaria) nel 2003.

Mach ha lavorato come direttore esecutivo del Centro di Economia e politica a Praga tra 1999 e 2009 e come consulente economico esterno al Presidente della Repubblica Ceca, Václav Klaus dal 2003 al 2007, con cui condivide l'entusiasmo per la economia del libero mercato e euroscetticismo. Dal 1998 è l'editore e redattore della newsletter Laissez-Faire.

Il Partito dei Liberi CittadiniModifica

 Lo stesso argomento in dettaglio: Partito dei Liberi Cittadini.

Mach ha fondato il Partito dei Liberi Cittadini nel 2009. La decisione di istituire un nuovo partito politico ha iniziato dopo aver lasciato il ODS alla fine del 2007. La decisione finale è venuta il 4 dicembre 2008, quando ODS ha deciso di cambiare la sua posizione favorevole al trattato di Lisbona. Nel settembre 2010 ha fatto un discorso alla conferenza annuale dell'UKIP e lodato Václav Klaus per i suoi sforzi per minare il trattato di Lisbona: "L'anno scorso il presidente Václav Klaus si trovava contro il Trattato di Lisbona come l'ultimo statista europeo, ed eravamo tutti tristi quando finalmente lo ha firmato. Ma non lo biasimo. Abbiamo capito che non poteva tenere contro entrambe le camere del Parlamento ceco e la Corte Costituzionale. Ha sicuramente fatto del suo meglio. "

OpereModifica

  • Le insidie di integrazione europea, 2002
  • Come scendere dall'UE, 2010
  • L'Europa rubata, 2014

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN65852827 · ISNI (EN0000 0000 5567 9891 · LCCN (ENn2003108071 · WorldCat Identities (ENlccn-n2003108071
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie