Piazza Augusto Imperatore

piazza di Roma
Piazza Augusto Imperatore
Rinascita del Mausoleo di Augusto Roma Capitale e Fondazione TIM 2 maggio 2017 (6) (33551005774).jpg
Il mausoleo di Augusto al centro della piazza durante i lavori di restauro, 2017
Localizzazione
StatoItalia Italia
CittàRoma
QuartiereCampo Marzio
Informazioni generali
TipoPiazza
IntitolazioneImperatore Augusto
ProgettistaVittorio Ballio Morpurgo
Costruzione1938
Collegamenti
Inizio1934
Fine1952
IntersezioniVia di Ripetta
Luoghi d'interesseMausoleo di Augusto, Museo dell'Ara Pacis
Mappa

Piazza Augusto Imperatore è una piazza urbana di Roma creata nel 1937 dal regime fascista per valorizzare il Mausoleo di Augusto.

StoriaModifica

 
Veduta aerea della piazza nel 1937, durante i lavori di costruzione. Intorno al mausoleo di Augusto, i tre palazzi dell'INPS. Di seguito, la teca dell'Ara Pacis e due chiese: San Rocco in Augusteo (a sinistra) e San Girolamo dei Croati (a destra). La chiesa più grande, in alto, è San Carlo al Corso.

Nel 1934 iniziarono le demolizioni intorno al Mausoleo di Augusto, dando seguito al Piano Regolatore di Roma approvato nel 1931, con l'intento celebrativo dei monumenti dell'antichità romana tipico del regime fascista. L'isolamento architettonico del Mausoleo dagli altri edifici avvenne anche in questo caso attraverso una grossa opera di demolizione, abbattendo circa 120 edifici (come ad esempio l'ex Ospedale di San Rocco) su un'area di circa 28.000 m²[1] nello spazio compreso fino al Lungotevere in Augusta, in modo simile ad altre operazioni fatte in quegli anni nella capitale, come accadde per via della Conciliazione e via dell'Impero. Il progetto della piazza si deve a Vittorio Ballio Morpurgo, ma vi partecipò anche Massimo Piacentini.

Sempre al fine di valorizzare il monumento, la piazza venne circondata dai tre nuovi grandi Palazzi dell'INPS in stile razionalista, costruiti nel 1938 sui lati nord, est e sud. Sull'ultimo lato, nell'area del già demolito ex Porto di Ripetta, venne eretta una struttura celebrativa di vetro e cemento, all'interno della quale venne posizionata e ricostruita l'Ara Pacis Augustae: questa prima struttura provvisoria, progettata dal Morpurgo in occasione del Bimillenario di Augusto del 1938, è stata sostituita solo nel 2006 dalla nuova sede progettata da Richard Meier, che ospita l'appena rinnovato Museo dell'Ara Pacis. I lavori nella piazza vera e propria cessarono solo nel 1952, a seguito della mobilitazione del gruppo Italia Nostra che ne criticava gli ulteriori sviluppi previsti[2].

Nell'estate 2020 sono stati avviati nuovi lavori per una risistemazione urbanistica complessiva della piazza,[3] con conclusione prevista nel 2023.[4]

NoteModifica

  1. ^ Giuseppe Cocco, Roma: Piazza Augusto Imperatore, Lulu.com, 2015, 9781326401306.
  2. ^ Leonardo Benevolo, La fine della città, Giuseppe Laterza & Figli S.p.A., 2011.
  3. ^ Lilli Garrone, Roma, al via i lavori in piazza Augusto Imperatore dopo 14 anni di attese, in Corriere della Sera, 20 giugno 2020. URL consultato il 29 ottobre 2020.
  4. ^ Piazza Augusto Imperatore pronta in due step tra 2021 e 2023, in Il Caffè di Roma, 18 dicembre 2020. URL consultato l'11 maggio 2022.

BibliografiaModifica

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN246955870 · GND (DE4539912-8