Picco Mera

montagna del Nepal
Picco Mera
Mera Peak Zatr La.JPG
StatoNepal Nepal
ProvinciaOrientale
DistrettoSagarmatha
MunicipalitàDistretto di Solukhumbu
Altezza6 476 m s.l.m.
Prominenza1 061 m
CatenaMahalangur Himalaya
Coordinate27°42′N 86°52′E / 27.7°N 86.866667°E27.7; 86.866667Coordinate: 27°42′N 86°52′E / 27.7°N 86.866667°E27.7; 86.866667
Data prima ascensioneMera Centrale: 20 Maggio 1953
Mera Nord: 1975
Autore/i prima ascensioneMera Centrale: Col. James Owen Merion Roberts e Sen Tenzing;
Mera Nord: Marcel Jolly, G. Baus e L. Honills
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Nepal
Picco Mera
Picco Mera

Il Picco Mera è una montagna nella sezione Mahalangur Himal, nella sottosezione Barun dell'Himalaya e amministrativamente nella zona Sagarmatha del Nepal, nel distretto di Solukhumbu. A 6 476 metri è classificato come picco da trekking. Contiene tre principali vette: Mera Nord (6476 m); Mera Centrale (6461 m); e Mera Sud (6065 m), nonché una più piccola "cima da trekking", visibile come una vetta distinta da sud, ma non segnata sulla maggior parte delle mappe della regione.

L'altezza del Picco Mera è spesso indicataa come 6 654 metri e si afferma che sia la vetta più alta per il trekking. Questa cifra in realtà punta al vicino Peak 41, che è stato erroneamente chiamato Mera in una elenco di picchi himalayani, e le cifre sono state copiate nella lista ufficiale dei picchi da trekking come erano, comprese le coordinate errate della posizione.[1]

StoriaModifica

La regione del Picco Mera fu esplorata per la prima volta da alcune spedizioni britanniche (con la partecipazione di nomi importanti, tra cui Edmund Hillary, Tenzing Norgay, Eric Shipton e George Lowe) nei primi anni '50, sia prima sia dopo l'ascesa dell'Everest.[2]

La prima ascesa del Mera Centrale avvenne il 20 maggio 1953 dal colonnello James Owen Merion Roberts e dallo sherpa Sen Tenzing (che era soprannominato The Foreign Sportsman).[3] Roberts fu poi molto coinvolto nella creazione dell'industria del trekking in Nepal nei primi anni '60.[4] Ha ricevuto il "Sagarmatha (Everest) National Award" dal governo nel maggio 2005.

Si ritiene che Mera Nord è stato invece scalato per la prima volta dagli alpinisti francesi Marcel Jolly, G. Baus e L. Honills nel 1975,[5] sebbene alcune fonti affermano che sia stata scalata il 29 ottobre 1973 e gli scalatori includessero L. Limarques, Ang Lhakpa e altri due sherpa.[6]

Nel 1986 Mal Duff e Ian Tattersall fecero la prima salita del pilastro sud-ovest.[7] Il percorso è lungo circa 1 800 e classificato ED-. L'avvicinamento alla base del pilastro è estremamente esposto alla caduta del seracco.

Percorsi di arrampicataModifica

Il percorso standard da nord prevede l'attraversamento dei ghiacciai in alta quota. I versanti ovest e sud del picco offrono vie tecnicamente più impegnative. Dalla vetta sono visibili cinque cime di 8000 m: Monte Everest, Lhotse, Cho Oyu, Makalu e Kangchenjunga, così come molte altre vette himalayane.

Per gli scalatori esperti si tratta di un'ascesa tecnicamente semplice, l'ostacolo principale è la corretta acclimatazione all'alta quota. Questi motivi fanno del Picco Mera una destinazione molto popolare, con molte compagnie di tour d'avventura che offrono escursioni guidate in montagna per clienti con poca o nessuna esperienza alpinistica.[8]

Vista panoramica dal Picco Mera

NoteModifica

  1. ^ (EN) Mark Horrell, Islands in The Snow: a journey to explore nepal's trekking peaks., in Footsteps on the Mountain Travel Diaries, Mountain Footsteps Press, 30 settembre 2018, pp. 60–61, ISBN 9781912748020, OCLC 1057306101. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  2. ^ (EN) Eric Earle Shipton, That untravelled world: an autobiography, New York, Scribner, 1969, pp. 183–214, OCLC 289543728. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  3. ^ (EN) James Owen Merion Roberts, South of Everest (in "Everest, 1953" by Charles Wylie), in Himalayan Journal, vol. 18, 1954, pp. 59–64.
  4. ^ (EN) Maurice Isserman, Stewart Angas Weaver e Dee Molenaar, Fallen giants: a history of Himalayan mountaineering from the age of empire to the age of extremes, New Haven, Yale University Press, 2008, p. 381, ISBN 9780300115017, OCLC 907177750. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  5. ^ (EN) Bill O'Connor, The trekking peaks of Nepal, Marlborough, Crowood Press, 1989, p. 32, ISBN 9781852231736, OCLC 636168729. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  6. ^ (EN) Mario Fantin, Mera, in The American Alpine Journal, vol. 20, n. 2, 1976, p. 518. URL consultato il 29 ottobre 2019.
  7. ^ Duff, Mal, The Other Side of the Mera: The First Ascent of the SW Pillar of Mera Peak (6487m), Hinku Valley, Nepal (PDF), in Alpine Journal, 1987, pp. 89–91.
  8. ^ (EN) Mera Peak Expedition- 20 days (Fly in/Out Kathmandu/Lukla), su guidenepal.com. URL consultato il 29 novembre 2017 (archiviato dall'url originale il 22 dicembre 2008).

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN239649190 · GND (DE4624841-9