Apri il menu principale

Pierre Blanchar

attore e regista francese

BiografiaModifica

Valente interprete di teatro (all'Odéon dal 1939 al 1946), fu anche uno degli attori di primo piano del cinema e del naturalismo francese, soprattutto negli anni trenta. Tentò, con minor fortuna, pure la regia.

Frequentò il conservatorio d'arte drammatica di Parigi, prima di esordire nel 1919 nella carriera teatrale e nel 1921 in quella cinematografica.

Dotato di una maschera severa e tormentata, Blanchar si distinse per la sua interpretazione sobria, essenziale, intensa, di personaggi che spesso erano di derivazione letteraria.

Il suo primo successo cinematografico fu L'Atlantide (1932) di Georg Wilhelm Pabst. Con Delitto e castigo (1935) diretto da Pierre Chenal, ebbe la coppa Volpi al Festival di Venezia per la sua interpretazione di Raskolnikov.

Altri suoi film di rilievo sono Carnet di ballo di Julien Duvivier, Il fu Mattia Pascal dal romanzo di Pirandello (entrambi del 1937) e Sinfonia pastorale (1946) di Jean Delannoy, dal racconto di Gide.

Blanchar è stato sepolto nel piccolo cimitero di Parigi di Charonne.

L'attrice Dominique Blanchar (L'avventura, La dolce vita) è sua figlia, nata dal suo matrimonio con l'attrice Marthe Vinot.

Filmografia parzialeModifica

Premi e riconoscimentiModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN73772790 · ISNI (EN0000 0001 1936 2114 · LCCN (ENnr99000248 · GND (DE140282580 · WorldCat Identities (ENnr99-000248