Pittore di Achille

Pittore di Achille (... – ...; fl. 470 a.C. / 425 a.C.) è il nome convenzionale assegnato ad un ceramografo attico.

Musa che suona la lira. La roccia su cui è seduta reca l'iscrizione ΗΛΙΚΟΝ / Helikon. Vaso attico bianco-terra, 440-430 a.C.

AttivitàModifica

Alla mano del Pittore di Achille sono stati attribuiti circa 300 vasi; il suo vaso eponimo è un'anfora a figure rosse conservata al Museo gregoriano etrusco (16571), con le due figure isolate di Achille e Briseide su ciascun lato del vaso, appartenente al periodo maturo del ceramografo.[1]

Allievo del Pittore di Berlino dal quale ereditò un elegante stile lineare (oltre alle commissioni statali per la decorazione delle anfore panatenaiche), trascorse dieci anni alla ricerca di un proprio linguaggio che in seguito mantenne pressoché uguale fino al termine della carriera. Fissò lo stile delle popolari lekythoi funerarie a fondo bianco, che egli decorava con una o due figure caratterizzate da una dignità calma e riflessiva, e che ebbero numerosi seguaci.

NoteModifica

  1. ^ Musei vaticani, Anfora attica a figure rosse, su mv.vatican.va. URL consultato il 24 novembre 2012.

BibliografiaModifica

  • Robert Manuel Cook, Greek Painted Pottery, Londra-New York, Routledge, 1997, pp. 172-173, ISBN 0-415-13860-4.

Voci correlateModifica

Altri progettiModifica

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàVIAF (EN52485982 · ISNI (EN0000 0004 4887 3257 · Europeana agent/base/79484 · LCCN (ENn86016548 · GND (DE118808745 · ULAN (EN500019489 · BAV (EN495/123331 · CERL cnp00538981 · WorldCat Identities (ENlccn-n86016548
  Portale Antica Grecia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di antica Grecia