Prelato

(Reindirizzamento da Prelati)
Prelato di mantellone, da Perugini G. – Hélyot P., Album ou Collection complète et historique des costumes de la Cour de Rome, Parigi 1862.

Un prelato (o presule) nella Chiesa cattolica, è un presbitero secolare o regolare insignito di tale titolo dalla Santa Sede.

La parola deriva dal latino prælatus, participio passato del verbo præferre, che significa preferire indicando in generale la persona preminente sulle altre in un dato consesso[1].

I prelati si distinguono in superiori e minori, identificando i primi come soggetti insigniti dell'ordinazione episcopale o della nomina cardinalizia, mentre i secondi sono coloro che per speciale concessione della Santa Sede godono di un incarico o titolo preminenti rispetto al resto del clero. Prelati inferiori sono i Cappellani di Sua Santità, i Prelati d'Onore e i Protonotari Apostolici, ma prima della riforma della Corte Pontificia, mediante il motu proprio Pontificalis Domus[2], i Prelati si distinguevano in Prelati di mantellone e di mantelletta[3].

Prelato di mantelloneModifica

 
Mons. Nazareno Patrizi, Cappellano Segreto d'Onore di Pio X e Cameriere Segreto Soprannumerario di Pio XII in abito da Prelato di mantellone con stemma timbrato dal cappello proprio dei Cappellani Segreti d'Onore.

Sono Prelati di mantellone gli ecclesiastici della Corte Pontificia che detengono il titolo di Cappellano Segreto, Cappellano Segreto d'Onore, Cameriere Segreto Partecipante, Cameriere Segreto Soprannumerario e Cameriere d'Onore in abito paonazzo[4]. Il loro titolo è temporaneo e cessa con la morte del pontefice che li ha eletti. Si fregiano del titolo di Monsignore. Il nome di Prelato di mantellone è dovuto alla sopravveste caratteristica di questi prelati, di colore paonazzo, lunga fino ai piedi e da indossarsi sopra la talare o sottana paonazza[5]. La fascia è sempre paonazza, solo di un tono diverso rispetto all'abito, e termina con un fiocco. Indossano altresì le fibbie alle scarpe ed il collare violaceo. Nei solenni cortei papali e nelle sacre funzioni, i Prelati di mantellone possono indossare la cappa rossa con seta in estate ed ermellino in inverno[6]. Non hanno l'uso del rocchetto, ma della sola cotta, salvo particolari concessioni come per il capitolo dei Ss. Celso e Giuliano, i cui canonici avevano dapprima il titolo di Cappellani Segreti d'Onore[7]e, dal 1939, quello di Camerieri Segreti Soprannumerari[8]. Ai canonici dei Ss. Celso e Giuliano, Benedetto XV aveva concesso l'uso del rocchetto, nelle sacre funzioni ed in coro[9]. Vi erano quattro cariche prelatizie che potevano essere occupate da uomini coniugati ed indossare un mantellone: l'Avvocato fiscale, il Procuratore generale, l'Avvocato de' poveri, ed il Commissario della camera[4]. Costoro avevano funzione di prelati, ma potevano convivere con la moglie e vestire l'abito ecclesiastico con un mantello mezzano che giungeva fino ai polpacci e che si chiamava anch'esso mantellone, senza cotta né rocchetto[10]. Nel 1969, la Santa Sede abolì l'uso del mantellone[11].

Prelato di mantellettaModifica

 
Prelato di mantelletta, da Perugini G. – Hélyot P., Album ou Collection complète et historique des costumes de la Cour de Rome, Parigi 1862.
 
Mons. Nazareno Patrizi, Prelato Domestico di Sua Santità dal 1941, in abito da Prelato di mantelletta.

I Prelati di mantelletta sono di rango superiore rispetto ai Prelati di mantellone e si fregiano sempre dell'appellativo di Monsignore[12]. Il loro titolo è a vita e non cessa con la morte del pontefice. Appartengono a questo rango della Corte Pontificia i Prelati Domestici e i Protonotari Apostolici. Indossano collare, abito talare con coda, ma da mantenere sempre legata, e fascia con fiocco il tutto paonazzo, mantelletta paonazza aperta davanti con fodere rubino, calze paonazze e fibbie alle scarpe. Ai Prelati Domestici è riservato un fiocco paonazzo sulla berretta, mentre per i Protonotari Apostolici è di color rubino. Nelle funzioni ed in coro i Prelati di mantelletta, sopra la loro sottana di seta violacea, portano il rocchetto, e sopra il rocchetto la mantelletta, cui sono praticati due fori per le braccia. Si dice mantelletta, giacché più corta rispetto al mantellone dei prelati di grado inferiore.

 
Mons. Pietro Saulini Patrizi, negli anni in cui fu vescovo ausiliario di Tivoli, era vescovo titolare e non residenziale, pertanto indossa la sola mantelletta senza mozzetta.

Anche i vescovi e i cardinali indossano la mantelletta. I vescovi titolari indossano solo la mantelletta senza mozzetta, mentre i vescovi residenziali indossano anche la mozzetta quale segno di giurisdizione sul proprio territorio, pertanto non la indossano in presenza del Santo Padre. I cardinali vestono la talare con rocchetto, mozzetta e mantelletta a Roma, per rispetto al Santo Padre; nelle loro sedi titolari o, comunque, fuori Roma, invece, portano la mozzetta immediatamente sopra il rocchetto e la talare, quindi senza mantelletta[13]. Vescovi e cardinali mantengono la coda della talare sciolta nelle sacre funzioni, in coro e nei solenni cortei[14], mentre gli altri Prelati di mantelletta la devono sempre mantenere legata mediante un apposito bottone[15]. Nel 1969, la Santa Sede abolì l'uso della coda e della mantelletta, quest'ultima però rimase concessa in uso per i Prelati Superiori dei Dicasteri della Curia Romana non insigniti della dignità episcopale, gli Uditori della Rota Romana, il Promotore Generale di Giustizia e il Difensore del Vincolo del Supremo Tribunale della Segnatura Apostolica, i Protonotari Apostolici de numero, i Chierici della Camera Apostolica e i Prelati dell'Anticamera Papale[16].

Araldica dei Prelati di mantellone e di mantellettaModifica

 
Stemma da Cappellano Segreto d'Onore di Mons. Nazareno Patrizi. Lo stemma, riproduzione fedele di un dipinto del 1903 ca. anticamente presente nella dimora romana del prelato, offre un numero di nappe inconsueto, a testimonianza che la regolamentazione dell'epoca non fosse affatto chiara.

La legislazione ecclesiastica in materia araldica si è dimostrata piuttosto lacunosa nei secoli, soprattutto per i Prelati inferiori, ma in luogo di tale lacuna si consolidò la tradizione araldica, ratificata dall'uso[17]. Per i Prelati di mantellone era tollerato, nei loro stemmi prelatizi, il cappello nero con cordoni e nappe paonazzi[18]. Per i Cappellani le nappe erano tre per lato, disposte in ordine 1.2. Per i Camerieri ecclesiastici le nappe erano sei per lato, disposte in ordine 1.2.3[19]. Ai Prelati di mantelletta di grado inferiore era concesso il cappello prelatizio con sei nappe per lato, disposte in ordine 1.2.3, il tutto paonazzo o rubino[20]. Per i Prelati di mantelletta superiori, ovverosia vescovi, arcivescovi e cardinali le normative sono più chiare. Per i vescovi il cappello prelatizio ha sei nappe per lato il tutto di verde, per gli arcivescovi le nappe sono dieci per lato, sempre il tutto di verde, mentre per i cardinali sono quindici per lato, il tutto di rosso[21]; possono inoltre accollare la croce astile dietro lo scudo in base al loro grado episcopale[11].

NoteModifica

  1. ^ Cf. treccani.it, sub verbo Prelato: prelato² in Vocabolario - Treccani
  2. ^ Cf. Paolo VI, Lettera Apostolica Motu Proprio Pontificalis Domus (28 marzo 1968).
  3. ^ Cf. G. Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica. Da S. Pietro sino ai giorni nostri, vol. 55, Venezia 1852, sub verbo Prelato.
  4. ^ a b Cf. G. Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica. Da S. Pietro sino ai giorni nostri, vol. 42, Venezia 1847, sub verbo Mantellone.
  5. ^ Cf. G. Perugini-P. Hélyot, Album ou Collection complète et historique des costumes de la Cour de Rome. Des ordres monastiques, religieux et militaires et des Congrégations séculières des deux sexes. Contenant 80 figures dessinées et coloriées d’après nature par G. Perugini et accompagnées d’un texte explicatif tiré du P. Hélyot, Deuxième Édition, Parigi 1862.
  6. ^ Cf. J. A. Nainfa, Costume of Prelates of the Catholic Church. According to roman etiquette, John Murphy Company, Baltimore-Maryland 1926, pp. 27-31 e 71-73.
  7. ^ Cf. A.S.V., Segr. Stato, Parte moderna (1816-1822; 1846-1935) anno 1914, rubr. 5, fasc. 1, prot. 503. Venne emesso relativo breve di nomina in data 1º ottobre 1914. La notizia è riportata anche in tutti gli annuari pontifici dal 1915 al 1922 con la formula: “Sono Cappellani Segreti i Canonici della collegiata dei Ss. Celso e Giuliano in Roma per sovrana concessione del Sommo Pontefice Benedetto XV” (Annuario Pontificio per l’anno 1915, Roma 1915, p. 496) e dal 1922 al 1939 è sempre segnalato pur con altre formule.
  8. ^ Il Breve pontificio venne emesso il 20 giugno 1939, cf. Archivio Storico Diocesano di Roma, Archivi di basiliche: ""Ss. Celso e Giuliano".
  9. ^ Cf. Benedetto XV, Lettera Apostolica Expedit ut (21 giugno 1918), anche conservata in Archivio Storico Diocesano di Roma, Archivi di Basiliche: “Ss. Celso e Giuliano”.
  10. ^ Cf. L. De Sanctis, Roma Papale. Descritta in una serie di lettere con note, Firenze 1882, pp. 237-238.
  11. ^ a b Cf. Segreteria di Stato, Instructio Circa vestes, titulos et insignia generis Cardinalium, Episcoporum et Praelatorum ordine minorum (31 marzo 1969), in “Acta Apostolicae Sedis” 61 (1969), pp. 334-40.
  12. ^ Cf. G. Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica. Da S. Pietro sino ai giorni nostri, vol. 42, Venezia 1847, sub verbo Mantelletta.
  13. ^ Cf. J. A. Nainfa, Costume of Prelates of the Catholic Church. According to roman etiquette, John Murphy Company, Baltimore-Maryland 1926, pp. 63-70.
  14. ^ Cf. G. Moroni, Dizionario di erudizione storico-ecclesiastica. Da S. Pietro sino ai giorni nostri, vol. 42, Venezia 1847, sub verbo Mantica Francesco. Nel dizionario di Moroni non vi è la voce Coda, ma la voce citata tratta medesimamente il tema piuttosto in dettaglio.
  15. ^ Cf. Pio X, Motu Proprio Inter multiplices (21 febbraio 1905).
  16. ^ Segreteria di Stato, Instructio Circa vestes, titulos et insignia generis Cardinalium, Episcoporum et Praelatorum ordine minorum (31 marzo 1969), in “Acta Apostolicae Sedis” 61 (1969), pp. 334-40.
  17. ^ Cf. A. Cordero Lanza di Montezemolo – A. Pompili, Manuale di araldica ecclesiastica nella Chiesa cattolica, Libreria Editrice Vaticana, Città del Vaticano 2016, pp. 30-32.
  18. ^ Cf. F. Pasini Frassoni, I cappelli prelatizi, in “Rivista del Collegio Araldico” 6 (settembre 1908), p. 523-525.
  19. ^ Cf. P. Guelfi Camajani, Dizionario araldico, Arnaldo Forni Editore, Sala Bolognese 1978, sub verbo Contrassegni delle dignità.
  20. ^ Cf. Pio X, Motu Proprio Inter multiplices (21 febbraio 1905), nn. 18 e 79.
  21. ^ Cf. Decreta S. Congr. Caeremonialis habitae die 9 Feb. 1832, in R. Vannucci, L'araldica nella Chiesa Cattolica alla luce della legislazione canonica. Origini, usi, legislazione, Gammarò Edizioni, Sestri Levante 2018, p. 303.

Collegamenti esterniModifica

Controllo di autoritàGND (DE4199497-8
  Portale Cattolicesimo: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cattolicesimo